ABBONAMENTO STAGIONE 2016-2017

14 SPETTACOLI € 140

 

Da giovedì 27 a domenica 30 ottobre
Pragma Srl presenta
GIORGIA TRASSELLI ed ENZO CASERERTANO in
“FINCHE’ VITA NON CI SEPARI , OVVERO W GLI SPOSI” di Gianni Clementi
con Luigi Pisani, Federica Quaglieri, Alessandro Salvatori
Regia Vanessa Gasbarri

In casa Mezzanotte fervono i preparativi per le nozze di Giuseppe, figlio di Alba e Cosimo, maresciallo in pensione dell’Arma. Appena rientrato da una missione in Afghanistan, Giuseppe, paracadutista dei Carabinieri, è atteso all’altare dalla futura sposa, figlia del signor Spampinato proprietario del ristorante “La Scamorza”. L’ora fatidica si avvicina, la Chiesa è addobbata, il ristorante la Scamorza attende 120 invitati e casa Mezzanotte si trasforma in un’intricata situazione di equivoci e comicità. Tutto è pronto, tutto è perfetto… quando, come fossimo in un giallo, qualcuno bussa alla porta.

 

Da Giovedì 3 a domenica 13 novembre

Compagnia stabile Teatro di Cestello presenta
“4 NOVEMBRE 1966, AIUTO L’ALLUVIONE” di Oreste Pelagatti
Regia Marco Predieri

Nel cinquantennale dell’Alluvione di Firenze, evento drammatico che sconvolse la città, ma che fu anche motore di uno storico momento di straordinaria solidarietà e di aggregazione umana, il Teatro di Cestello, affacciato così sull’Arno e con ancora quell’umido nel profondo della propria storia e della propria anima, non poteva non unirsi alle tante celebrazioni che ricorrono in città. Lo fa offrendo al pubblico questa bella commedia brillante, scritta diversi anni dopo il 1966 da Oreste Pelagatti, arguto osservatore del carattere e delle vite di noi fiorentini, dove alla paura, alle difficoltà di quei giorni di piena si uniscono lo spirito schietto e l’inventiva della gente battezzata con l’acqua d’Arno. Un intreccio frizzante che vede protagoniste tre famiglie, rivali ma non troppo, che si troveranno improvvisamente unite dagli eventi e … da un Cupido dispettoso, che non depone l’arco dorato neanche mentre l’Arno tracima.

 

Da giovedì 8 a domenica 11 dicembre
Altrove Teatro presenta in prima nazionale
“CHI HA INCASTRATO MARY POPPINS” di Marco Predieri
con Marco Predieri, Maria Rita Scibetta, Rita Iacone
e altri due attori in via di definizione

Una giovane coppia, fresca di nozze, si sveglia al mattino nel nuovo nido d’amore dove ha appena traslocato. Un appartamento piccolo, camera/soggiorno, bagno e cucina, adatto a due ragazzi con stipendi e prospettive precarie … che certo non possono permettersi una donna di servizio. Ma allora chi è quella signora che improvvisamente si mette a pulire, entrando per giunta con le proprie chiavi di casa? Ai nostri inquilini non resta che chiedere spiegazioni, che però non arrivano, la misteriosa “colf” non parla … pulisce, stira, prepara la colazione e soprattutto non vuole essere pagata! Incredibile sì … ma è efficiente e i ragazzi decidono di tenerla. Una Mary Poppins inaspettata che assisterà alle loro discussioni ma soprattutto a quella di una seconda coppia di amici, che sembra proprio sul punto di scoppiare. Colpi di scena e un finale inatteso che porterà agli inevitabili e non più rimandabili chiarimenti. Ecco gli ingredienti della nuova originale commedia scritta da Marco Predieri.

 

Da venerdì 16 a domenica 18 dicembre
La Bilancia in collaborazione con Esagera presenta
MARCO CAVALLARO, CLAUDIA FERRI in
“THAT’S AMORE” testo e regia di Marco Cavallaro
con la partecipazione di Marco Maria della Vecchia

“That’s amore” è una deliziosa e scoppiettante commedia musicale, che da due stagioni sta riscuotendo successi in tutta Italia, da nord a sud, con decine e decine di piazze e repliche e finalmente arriva a Firenze!
Protagonisti una Lei e un Lui, che non si conoscono. Lui viene lasciato dalla fidanzata. Lei molla il fidanzato. Lui e Lei sono cacciati di casa. Lui e Lei affittano per uno strano scherzo del destino lo stesso appartamento. Lui e Lei sono costretti a passare un intero weekend insieme, ma lui odia tutte le Lei e Lei, neanche a dirlo, odia tutti i Lui. In una girandola di situazioni scoppia una divertente storia d’amore condita da dolci e romantiche canzoni, una vera è propria commedia musicale “da camera” pluripremiata e osannata dalla critica.

 

Da venerdì 30 dicembre a domenica 15 gennaio
Compagnia stabile Teatro di Cestello presenta
“LA ZIA DI CARLO” di Brandon Thomas
regia di Bruno Maresca

La zia di Carlo è un grande classico della commedia brillante borghese della Belle Epoque, scritta nel 1892, fu l’unico vero successo di Brandon Thomas, con un record di 1466 repliche, rappresentazioni da allora in tutto il mondo e una celebre e altrettanto fortunata trasposizione cinematografica. La pièce è uno spiritoso inno alla menzogna che inizia con lo studente Babbs indotto dagli amici Jack e Charley a interpretare la parte della zia d’oltreoceano di quest’ultimo, la possidente Lucia De Alvadorez, per avvicinare le loro innamorate. L’intreccio prosegue dunque con l’arrivo inatteso della vera zia … che presentandosi sotto mentite spoglie si adopera per smascherare il suo improbabile “doppione”. Il tutto naturalmente a fin di bene.

 

Da venerdì 27 a domenica 29 gennaio
Mente Comica presenta
ROBERTO CIUFOLI in
“TIPI – recital comico antropologico”
testi e regia di Roberto Ciufoli
con la partecipazione di David Barittoni

In questo irresistibile, originale e funambolico nuovo one man show il mattatore Roberto Ciufoli propone diverse tipologie umane muovendosi attraverso monologhi, poesie, sketch, balli e canzoni, giocando e alternandosi con gli interventi musicali dal vivo di David Barittoni. I “Tipi” portati in scena mostrano come una particolare caratteristica psicologica corrisponda ad un atteggiamento fisico ben preciso, un modo di parlare e di scegliere le parole, in un divertente percorso che porta il “timido” a diventare un “supereroe”. Tanti personaggi, un attore, un sorprendente musicista per un vero e proprio “multi-one man live show”!

 

Da Giovedì 2 a domenica 12 febbraio
Compagnia stabile Teatro di Cestello presenta
“LA VILLANA DI LAMPORECCHIO” di Luigi del Buono
regia di Marcello Ancillotti

Un grande classico della Commedia dell’Arte, scritto da Luigi del Buono, attore e autore fiorentino alla corte dei Lorena, nonché inventore della celebre maschera di Stenterello. Ma qui Stenterello non c’entra.
La commedia racconta di un doppio trasloco, fisico dalla campagna alla città, e “sociale” dalla condizione di servi a quella di padroni. Un’improvvisa quanto improbabile eredità ricevuta da Dorotea, la nostra villana, porta la protagonista e tutta una serie di personaggi che sono in relazione con lei a entrare, più o meno volutamente, in un esilarante gioco di bugie travestimenti e inganni. Tra “miseria e nobiltà” gli attori, nei loro goffi e ridicoli tentativi di essere ciò che vorrebbero e in realtà non sono, ci regalano una strepitosa parodia del potere e della ricchezza, attuale nel ‘700 come oggi … La campagna o la città? essere servi o essere padroni? poveri o ricchi?
I sogni e le speranze di questi caratteri sull’orlo della pazzia durano però … quanto una bolla di sapone.

 

Giovedì 16 e venerdì 17 febbraio
FINAL CREW ON STAGE presenta
ELISABETTA SALVATORI in
“LA BIMBA CHE ASPETTA” di Elisabetta Salvatori
con Matteo Ceramelli (violino)

La Bimba che aspetta è una statua di marmo, eseguita alla fine dell’800 da uno scultore Carrarese, ritrae una bambina che sta seduta, da sempre è oggetto di voci e leggende e ancora oggi è meta di visite e pellegrinaggi. Partendo dalla realizzazione della scultura questo spettacolo è il racconto della passione creativa delsuo scultore e della bambina che ha posato per l’opera, un viaggio suggestivo e ricco di umanità e poesia nel marmo, nelle cave, nel vissuto dei protagonisti.

 

Da venerdì 24 a domenica 26 febbraio
Ferruccio Barone presenta
MATTEO VACCA, FRANCESCA MILANI
MAURIZIO DI CARMINE e FRANCESCA BELLUCCI in
“AMORE MIO AIUTAMI”
liberamente ispirato all’omonimo film di Alberto Sordi
adattamento di Matteo Vacca e Francesca Milani
Regia di Matteo Vacca

Finalmente in teatro la memorabile commedia di Alberto Sordi e Monica Vitti: “Amore mio aiutami”. Un’ occasione per rendere omaggio a due grandi attori italiani. Cosa succede se un marito scopre che sua moglie si è innamorata di un altro? Ma soprattutto se la moglie chiede aiuto al marito per conquistare l’altro uomo? E’ questo il divertentissimo dramma coniugale che ci viene raccontato. Giovanni , giovane avvocato, si mostra agli occhi di sua moglie, Raffaella, dolce casalinga timida e riservata , come un uomo progressista, che “crede nella ragione e non nelle passioni”. Come un uomo di mondo, sa che durante il matrimonio ci si ritrova ad affrontare momenti difficili, ma che l’unico modo per superare tutto è dirsi sempre la verità, confidarsi anche le debolezze più nascoste. Raffaella, entusiasta del pensiero così maturo e liberale di suo marito, decide di confidare a Giovanni di essersi presa una sbandata per Valerio, il suo affascinante ed intrigante insegnante di ballo. Ormai il gioco è fatto, ad aiutare e consigliare i due protagonisti saranno, Lilia e Michele, una singolare coppia di amici, nonché vicini di casa, sposati da diversi anni. I quattro si ritroveranno coinvolti in una serie di situazione paradossali, che li vedranno prima complici poi rivali, dove gli equilibri di coppia, non saranno più gli stessi.

 

Da venerdì 17 a domenica 19 marzo
PAOLA TIZIANA CRUCIANI in
“ALTI E BASSI ”
un commedia scritta e diretta da Paola Tiziana Cruciani
con Manuela Bisanti e con il M° Alessandro Greggia

Chi frequenta quartieri alti, chi quartieri bassi. Chi vanta alti natali, chi viene dai bassi. Chi si ispira a alti ideali, chi cede ai bassi istinti. Chi vede la vita dall’alto, chi la subisce dal basso. Chi ha amato uomini alti, chi ha amato uomini bassi. Tutti nella vita conosciamo gli “alti e i bassi”, l’euforia del “tutto bene”, la disperazione del “me vorrei ammazzà”. Alti e bassi è l’ultimo irresistibile successo teatrale scritto interpretato e diretto da Paola Tiziana Cruciani, artista eclettica, molto amata dal pubblico e apprezzata per la sua duttilità e capacità di interpretare personaggi tra loro molto diversi. In questa esilarante commedia, accompagnata da Manuela Bisanti e Alessandro Greggia, la nostra attrice si sdoppia, per vestire i panni di entrambe le protagoniste: Palmira, che arriva col treno a Roma tutte le mattine per fare le pulizie e Sabrina, romana benestante da sempre che vive all’Olgiata. L’occasione di incontro tra le due viene offerta da un provino televisivo per un reality che vuole mettere insieme cinque donne ricche e cinque povere abbinate in coppie. Ne vedremo delle belle!

 

Da giovedì 30 marzo a domenica 9 aprile (PRIMA NAZIONALE)

Compagnia stabile Teatro di Cestello presenta

“FIRENZE 1865-1915”
di Loretta Bellesi Luzi
regia di Marcello Ancillotti

Beppa la Fioraia, il Lachera, personaggi mitici in una Firenze prima Capitale poi città lanciata in una dimensione nazionale, dialogano con i letterati delle Giubbe Rosse e del caffè Michelangelo. Lontana dal torpore di capitale di un granducato invecchiato, si apre ad una nuova dimensione, dove le distruzioni del centro medioevale e delle sue mura portano alla nascità di una nuova coscienza. Loretta Bellesi,in una narrazione ricca di situazioni, di scontri e incontri tra il popolino, tra i nuovi venuti dal Nord e la nuova cultura cittadina, ci riporta all’affascinante Firenze che amiamo, quella che ancora una volta lancerà nel mondo le sue idee, diffonderà la sua arte, fino all’esplosione del Futurismo e all’ avvento della prima guerra mondiale.

 

Da mercoledì 19 a venerdì 21 aprile
FreezerDance Studio presenta
CRISTIAN RUIZ e LUCA GIACOMELLI FERRARINI in
“PROCESSO A PINOCCHIO”
Una psico commedia noir a carattere musicale di Andrea Palotto
con Valentina Arena, Brian Boccuini, Debora Boccuini, Elena Nieri
con Federico Zylka al pianoforte
SPETTACOLO VINCITORE MIGLIORI MUSCIHE ORIGINALI OSCAR DEL MUSICAL 2015

Chi ha ucciso con un colpo di martello il povero Salvatore Grillo di professione psicoterapeuta? Pino, accanto al corpo della vittima con in mano l’arma del delitto sembrerebbe la risposta più ovvia. Ma il presunto colpevole, che non tiene a freno le sue bugie, ha una moglie che non tiene a freno la sua lingua, “una” amante che non tiene a freno le sue voglie, “un” amante che non tiene a freno i suoi vizi e una mamma invadente che non tiene a freno la sua pazienza! Tutti presenti al momento del delitto, tutti convinti della sua colpevolezza. Tutti e nessuno! E allora non resta che ripercorrere eventi e situazioni, attraverso un percorso psicanalitico di gruppo condotto dalla vittima stessa, unica depositaria di una verità che non può rivelare per “segreto professionale”. Sarà lui a guidare il protagonista dentro e fuori dal tunnel della realtà per cercare, fra le sue psicosi, un movente che potrebbe dare un senso ai fatti e condurre la compagine verso un sempre rassicurante lieto fine! Perché in fondo ogni favola inizia con un “C’era una volta” e finisce con un “E vissero tutti felici e contenti”…O no?

 

Da venerdì 5 a domenica 7 maggio
Canotto presenta
FRANCESCA NUNZI E MARCO SIMEOLI in
ROMA NAPOLI, UN’ORA DI TRENO PER MILLE RACCONTI
Commedia musicale scritta, diretta e interpretata da Marco Simeoli e Francesca Nunzi, con musiche dal vivo

 

In più il quattordicesimo spettacolo da scegliere tra le due prime nazionali di Donatella Alamprese

Venerdì 2 dicembre
DONATELLA ALAMPRESE in
“ENCUENTRO: la Notte che Borges incontrò Gardel”
Ideazione e testi di Donatella Alamprese
con la partecipazione di Rosario Campisi
Alla chitarra Marco Giacomini

Due giganti agli antipodi della poesia del Tango uniti da un destino di immortalità: Carlos Gardel e Jorge Luis Borges del quale ricorrono quest’anno trentanni dalla scomparsa. Un incontro reale o immaginario? Borges parla di quella lontana notte in cui conobbe Gardel in una intervista rilasciata un anno prima di morire. Uno scambio di sguardi, di sorrisi, di celata o malcelata disapprovazione verso quel “mitico trovador” che conquistava le platee “cantando errabondo come Omero di provincia in provincia ”. Un viaggio suggestivo in musica e poesia nel mistero dell’incontro tra la Buenos Aires mitologica borgesiana e il Tango di Gardel.

 

Sabato 22 aprile (PRIMA NAZIONALE)
DONATELLA ALAMPRESE in
“FEMME”
Con Marco Giacomini (chitarra) e Alessandro Moretti (fisarmonica)
Scene di Cecilia Micolano

Da “Le 4 voci di Eva”, l’ultimo grande concerto dedicato da Donatella Alamprese alla canzone declinata al femminile, nasce ora un nuovo spettacolo, idealmente connesso al precedente tramite la riproposizione dei brani di Edith Piaf, che ci introducono al mondo della canzone francese in un preciso periodo storico, tra gli anni ’30 e gli anni ’60. E’ l’affascinante narrazione della storia, umana e artistica, di quattro grandi donne: oltre alla Piaf, la “Venere nera” Josephine Baker, di origine afro-amerinda, che divenne un’icona vivente d’irresistibile bellezza nella Parigi degli anni Trenta, proponendosi poi, in segreto, durante la guerra, come insospettabile spia della Francia Libera a danno degli occupanti nazisti e, in seguito, lottando a fianco di Martin Luther King per i diritti della gente di colore; Juliette Greco, giovanissima partigiana prima, e poi simbolo stesso, con J.P. Sartre, del movimento esistenzialista degli anni ’50; infine Dalida, la cui storia di amori infelici e di depressione ha commosso, tanto quanto le sue mirabili capacità interpretative, il pubblico negli anni ’60. Donatella presterà, al ricordo di ciascuna, la sua voce straordinaria, interpretando successi che hanno segnato la storia della canzone del ‘900.

image_pdfimage_print