STAGIONE TEATRALE 2016-2017

 

Da sabato 3 a giovedì 22 settembre
Con il patrocinio del Comune di Firenze, in collaborazione con Istituto Francese di Cultura, Orchestra Nazionale Artes e FISAR (Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori)
“CAPRICCIO ITALIANO FESTIVAL – wine and music” 

Il festival si apre con tre concerti che vedono protagonista l’Orchestra Nazionale Artes in collaborazione con FISAR, Federazione Italiana Sommelier: tre interessanti programmi sinfonici preceduti da degustazioni di altrettante tipologie enologiche, e prosegue con 7 concerti cameristici con un programma variegato che va dal classico recital solistico agli arrangiamenti di musiche di Frank Zappa.

Da giovedì 13 a domenica16 ottobre
Es Teatro presenta
ANNA COLLAZZO in
“GALLINA VECCHIA” di Agusto Novelli
con Fulvio Ferrati, Francesco Argirò, Enrico Dabizzi,
Vittoria Sammuri, Anna Umberti, Cristina Valentini
regia Paolo Biribò e Marco Toloni

Gallina Vecchia, scritta nel 1911 ma straordinariamente contemporanea nell’intreccio e nella definizione dei suoi personaggi, è forse la commedia più nota di Augusto Novelli e uno dei testi più interessanti non solo del teatro toscano, ma di tutto il teatro italiano d’inizio secolo. Una commedia brillante capace di affiancare alla forza di battute tanto schiette quanto popolari elementi di un’amarezza cruda, supportati dall’uso sapiente della lingua toscana che travalica lo stretto confine del vernacolo e dona spessore e concretezza alla trama lasciando emergere con vigore ora l’allegro, ora il romantico e poi ancora il cinico, il patetico e l’involontario lato comico di un ritratto che arriva al cuore degli spettatori.

Da giovedì 27 a domenica 30 ottobre
Pragma Srl presenta
GIORGIA TRASSELLI ed ENZO CASERERTANO in
“FINCHE’ VITA NON CI SEPARI , OVVERO W GLI SPOSI” di Gianni Clementi
con Luigi Pisani, Federica Quaglieri, Alessandro Salvatori
Regia Vanessa Gasbarri

In casa Mezzanotte fervono i preparativi per le nozze di Giuseppe, figlio di Alba e Cosimo, maresciallo in pensione dell’Arma. Appena rientrato da una missione in Afghanistan, Giuseppe, paracadutista dei Carabinieri, è atteso all’altare dalla futura sposa, figlia del signor Spampinato proprietario del ristorante “La Scamorza”. L’ora fatidica si avvicina, la Chiesa è addobbata, il ristorante la Scamorza attende 120 invitati e casa Mezzanotte si trasforma in un’intricata situazione di equivoci e comicità. Tutto è pronto, tutto è perfetto… quando, come fossimo in un giallo, qualcuno bussa alla porta.

Da Giovedì 3 a domenica 13 novembre
Compagnia stabile Teatro di Cestello presenta
“4 NOVEMBRE 1966, AIUTO L’ALLUVIONE” di Oreste Pelagatti
Regia Marco Predieri

Nel cinquantennale dell’Alluvione di Firenze, evento drammatico che sconvolse la città, ma che fu anche motore di uno storico momento di straordinaria solidarietà e di aggregazione umana, il Teatro di Cestello, affacciato così sull’Arno e con ancora quell’umido nel profondo della propria storia e della propria anima, non poteva non unirsi alle tante celebrazioni che ricorrono in città. Lo fa offrendo al pubblico questa bella commedia brillante, scritta diversi anni dopo il 1966 da Oreste Pelagatti, arguto osservatore del carattere e delle vite di noi fiorentini, dove alla paura, alle difficoltà di quei giorni di piena si uniscono lo spirito schietto e l’inventiva della gente battezzata con l’acqua d’Arno. Un intreccio frizzante che vede protagoniste tre famiglie, rivali ma non troppo, che si troveranno improvvisamente unite dagli eventi e … da un Cupido dispettoso, che non depone l’arco dorato neanche mentre l’Arno tracima.

 

Sabato 26 e domenica 27 novembre
Teatro a Manovella presenta
“CONSIGLI PER APPARIRE A PROPRIO AGIO IN ASCENSORE ”
di e con Leonardo Venturi
musiche dal vivo di David Bellotti
assistente alla regia Sara Santarnecchi
Regia Massimo Alì

Parigi. Sono le tre e mezza di una notte d’inverno. Un ragazzo e una ragazza si incontrano davanti al cancello della metropolitana chiusa. Sembra l’incipit di una grande storia d’amore, ci troveremo davanti a tutt’altro. Halvard, il nostro protagonista involontariamente inetto, sogna solo un po’ di dolcezza dal mondo, ben presto si scontrerà contro il solido muro della realtà rappresentato dalla sua particolare ospite. Un incontro paradossale, comico e irresistibile dove la pazienza di Halvard verrà messa a dura prova. Basteranno l’ironia, l’acume e la testa tra le nuvole per sopravvivere alla nottata?

 

Venerdì 2 dicembre
DONATELLA ALAMPRESE in
“ENCUENTRO: la Notte che Borges incontrò Gardel”
Ideazione e testi di Donatella Alamprese
con la partecipazione di Rosario Campisi

Alla chitarra Marco Giacomini

Due giganti agli antipodi della poesia del Tango uniti da un destino di immortalità: Carlos Gardel e Jorge Luis Borges del quale ricorrono quest’anno trentanni dalla scomparsa. Un incontro reale o immaginario? Borges parla di quella lontana notte in cui conobbe Gardel in una intervista rilasciata un anno prima di morire. Uno scambio di sguardi, di sorrisi, di celata o malcelata disapprovazione verso quel “mitico trovador” che conquistava le platee “cantando errabondo come Omero di provincia in provincia ”.

Un viaggio suggestivo in musica e poesia nel mistero dell’incontro tra la Buenos Aires mitologica borgesiana e il Tango di Gardel.

 

Sabato 3 e domenica 4 dicembre

Compagnia Teatrale i Pinguini presenta

“LA VEDOVA IN NERO” di e regia di Pietro Venè
Lo spettacolo è una divertente commedia, assolutamente e principalmente da vedere: un intreccio avvincente, appassionante, pieno di amore, intrigo, passione …

Un povero giovane è innamorato e ricambiato da una bella fanciulla, il cui padre non vuole che si frequentino. Il giovane decide di farla finita, ma gli viene offerta una grande opportunità: diventare ricco sposando una facoltosa vedova, che però ha una passione particolare … uccide i mariti per la forma delle loro orecchie, che tagliate conserva come ornamenti in casa. Quando tutto sembra perduto e la vedova si appresta al taglio dell’orecchio del ragazzo, interviene il padre della sua amata, che rimane folgorato dalla bellezza della vedova … A fare da cornice agli eventi sono due tecnici maldestri, una fioraia cieca ma furba e un barbiere che sembra buono ma … Il pubblico non udrà una parola, ma tanta buona musica!

 

Da giovedì 8 a domenica 11 dicembre
Altrove Teatro presenta in prima nazionale
“CHI HA INCASTRATO MARY POPPINS” di Marco Predieri
con Marco Predieri, Maria Rita Scibetta, Rita Iacone
e altri due attori in via di definizione

Una giovane coppia, fresca di nozze, si sveglia al mattino nel nuovo nido d’amore dove ha appena traslocato. Un appartamento piccolo, camera/soggiorno, bagno e cucina, adatto a due ragazzi con stipendi e prospettive precarie … che certo non possono permettersi una donna di servizio. Ma allora chi è quella signora che improvvisamente si mette a pulire, entrando per giunta con le proprie chiavi di casa? Ai nostri inquilini non resta che chiedere spiegazioni, che però non arrivano, la misteriosa “colf” non parla … pulisce, stira, prepara la colazione e soprattutto non vuole essere pagata! Incredibile sì … ma è efficiente e i ragazzi decidono di tenerla. Una Mary Poppins inaspettata che assisterà alle loro discussioni ma soprattutto a quella di una seconda coppia di amici, che sembra proprio sul punto di scoppiare. Colpi di scena e un finale inatteso che porterà agli inevitabili e non più rimandabili chiarimenti. Ecco gli ingredienti della nuova originale commedia scritta da Marco Predieri.

 

Da venerdì 16 a domenica 18 dicembre

La Bilancia in collaborazione con Esagera presenta
MARCO CAVALLARO, CLAUDIA FERRI in
“THAT’S AMORE” testo e regia di Marco Cavallaro
con la partecipazione di Marco Maria della Vecchia

“That’s amore” è una deliziosa e scoppiettante commedia musicale, che da due stagioni sta riscuotendo successi in tutta Italia, da nord a sud, con decine e decine di piazze e repliche e finalmente arriva a Firenze!
Protagonisti una Lei e un Lui, che non si conoscono. Lui viene lasciato dalla fidanzata. Lei molla il fidanzato. Lui e Lei sono cacciati di casa. Lui e Lei affittano per uno strano scherzo del destino lo stesso appartamento. Lui e Lei sono costretti a passare un intero weekend insieme, ma lui odia tutte le Lei e Lei, neanche a dirlo, odia tutti i Lui. In una girandola di situazioni scoppia una divertente storia d’amore condita da dolci e romantiche canzoni, una vera è propria commedia musicale “da camera” pluripremiata e osannata dalla critica.

 

Da venerdì 30 dicembre a domenica 15 gennaio
Compagnia stabile Teatro di Cestello presenta
“LA ZIA DI CARLO” di Brandon Thomas
regia di Bruno Maresca

La zia di Carlo è un grande classico della commedia brillante borghese della Belle Epoque, scritta nel 1892, fu l’unico vero successo di Brandon Thomas, con una record di 1466 repliche, rappresentazioni da allora in tutto il mondo e una celebre e altrettanto fortunata trasposizione cinematografica. La pièce è uno spiritoso inno alla menzogna che inizia con lo studente Babbs indotto dagli amici Jack e Charley a interpretare la parte della zia d’oltreoceano di quest’ultimo, la possidente Lucia De Alvadorez, per avvicinare le loro innamorate. L’intreccio prosegue dunque con l’arrivo inatteso della vera zia … che presentandosi sotto mentite spoglie si adopera per smascherare il suo improbabile “doppione”. Il tutto naturalmente a fin di bene.

 

Da giovedì 19 a domenica 22 gennaio

Es Teatro presenta
“DECAMERON – Le novelle proibite”
dal Decameron di Giovanni Boccaccio
adattamento e regia Paolo Biribò e Marco Toloni
assistente alla regia Cristina Di Sciullo

I registi Paolo Biribò e Marco Toloni passano sotto la lente dell’ironia e della comicità l’essenza della natura umana e le sue piccole e grandi miserie senza alcun giudizio né compiacimento. Il Decameron e le sue novelle più erotiche offrono a quest’intento un ampio ventaglio di possibilità dove il contrasto fra senso di morte e carnalità si risolve nella fuga in una sensualità tragico/farsesca, un confronto tenace che sostiene l’esuberante affermazione della vita. Di novella in novella i personaggi scalano tutti i gradini della passione, sfidando talvolta con gioiosa lussuria altre con sprezzo di ogni morale la distruzione e il disfacimento della morte rappresentata dalla peste.

Da venerdì 27 a domenica 29 gennaio
Mente Comica presenta
ROBERTO CIUFOLI in
“TIPI – recital comico antropologico”
testi e regia di Roberto Ciufoli
con la partecipazione di David Barittoni

In questo irresistibile, originale e funambolico nuovo one man show il mattatore Roberto Ciufoli propone diverse tipologie umane muovendosi attraverso monologhi, poesie, sketch, balli e canzoni, giocando e alternandosi con gli interventi musicali dal vivo di David Barittoni. I “Tipi” portati in scena mostrano come una particolare caratteristica psicologica corrisponda ad un atteggiamento fisico ben preciso, un modo di parlare e di scegliere le parole, in un divertente percorso che porta il “timido” a diventare un “supereroe”. Tanti personaggi, un attore, un sorprendente musicista per un vero e proprio “multi-one man live show”!

 

Da Giovedì 2 a domenica 12 febbraio
Compagnia stabile Teatro di Cestello presenta
“LA VILLANA DI LAMPORECCHIO” di Luigi del Buono
regia di Marcello Ancillotti

Un grande classico della Commedia dell’Arte, scritto da Luigi del Buono, attore e autore fiorentino alla corte dei Lorena, nonché inventore della celebre maschera di Stenterello. Ma qui Stenterello non c’entra.
La commedia racconta di un doppio trasloco, fisico dalla campagna alla città, e “sociale” dalla condizione di servi a quella di padroni. Un’improvvisa quanto improbabile eredità ricevuta da Dorotea, la nostra villana, porta la protagonista e tutta una serie di personaggi che sono in relazione con lei a entrare, più o meno volutamente, in un esilarante gioco di bugie travestimenti e inganni. Tra “miseria e nobiltà” gli attori, nei loro goffi e ridicoli tentativi di essere ciò che vorrebbero e in realtà non sono, ci regalano una strepitosa parodia del potere e della ricchezza, attuale nel ‘700 come oggi … La campagna o la città? essere servi o essere padroni? poveri o ricchi?
I sogni e le speranze di questi caratteri sull’orlo della pazzia durano però … quanto una bolla di sapone.

 

Giovedì 16 e venerdì 17 febbraio
FINAL CREW ON STAGE presenta
ELISABETTA SALVATORI in
“LA BIMBA CHE ASPETTA” di Elisabetta Salvatori
con Matteo Ceramelli (violino)

La Bimba che aspetta è una statua di marmo, eseguita alla fine dell’800 da uno scultore Carrarese, ritrae una bambina che sta seduta, da sempre è oggetto di voci e leggende e ancora oggi è meta di visite e pellegrinaggi. Partendo dalla realizzazione della scultura questo spettacolo è il racconto della passione creativa delsuo scultore e della bambina che ha posato per l’opera, un viaggio suggestivo e ricco di umanità e poesia nel marmo, nelle cave, nel vissuto dei protagonisti.

 

Sabato 18 e domenica 19 febbraio
Teatro a Manovella presenta
“L’AMANTE” di Harold Pinter
con Giulia Cavallini e Leonardo Venturi

Regia di Massimo Alì

Un rapporto matrimoniale fuori dagli schemi. Un amante che, in fondo, non è un amante. O forse sì? Harold Pinter, premio Nobel per la letteratura, acuto osservatore delle convenzioni e delle confortanti assurdità del nostro moderno vivere, nella sua opera più conosciuta L’Amante, si diverte, con feroce ironia, a far esplodere le contraddizioni soprattutto quando si nascondono dietro un’apparente ed ipocrita normalità di una coppia della upper class londinese.

 

Da venerdì 24 a domenica 26 febbraio
Ferruccio Barone presenta
MARCO MORANDI, MATTEO VACCA, FRANCESCA MILANI,
FRANCESCA BELLUCCI e LUDOVICA DI DONATO in
“INSIEME A TE NON CI STO PIU’”
Regia di Matteo Vacca

Che succede quando nella vita accadono diversi avvenimenti straordinari che minano le nostre certezze? Spesso ci serve un fattore esterno, un imprevisto apparentemente minaccioso, per capire veramente chi siamo e dare il giusto significato ai nostri rapporti, alle cose a cui veramente teniamo. Siamo nel 1989, anno di grandi cambiamenti. Il muro di Berlino sta per crollare e con lui le tante certezze politiche e personali di Andrea (Matteo Vacca) architetto, che passa le giornate a domandarsi perché i suoi clienti eccentrici, vogliano a tutti i costi un “arco finto” nel proprio salone o la “greca” al bagno. Arianna (Ludovica Di Donato) è sua moglie e passa le notti con l’incubo di scongelare alimenti ittici. Sono una coppia unita, nella convinzione che la situazione sia sotto controllo. Colonne che sostengono archi, archi che sostengono soffitti, tutto saldo, tutto solido, finché un giorno…

 

Da mercoledì 1 a domenica 5 marzo
Compagnia stabile Teatro di Cestello presenta
IL CLAN DELLE VEDOVE” di di Ginette Beauvais Garcin
Regia Marcello Ancillotti

Rose rimane vedova e viene subito circondata dall’affetto di due amiche Marcelle e Jackie, anch’esse vedove, i cui mariti avevano a lungo coltivato relazioni extra coniugali. Nasce così un «clan», un ancor più stretto rapporto dove le tre iniziano a fare grandi progetti per riscattarsi dalla quotidianità della loro esistenza di mogli fedeli e dedite alle cure domestiche. Ma dal nulla sbuca Sophie Clouzot, una donna giovane e procace, che senza preamboli dichiara di essere stata per anni l’amante del marito di Rose… che darà il via a tutta una serie di sorprese, colpi di scena, gustose gags fino al finale con un sorprendente coup de théâtre nel più puro stile della “comédie française”

 

Mercoledì 8 marzo
Il Segnalibro presenta
“DONNE NASCOSTE. Ritratti di vite in bianco e nero”
liberamente tratta dall’omonimo romanzo di Barbara Martini

con Eleonora Cappelletti, Chiara Ciofini, Anna Collazzo, Rossella Magnolfi,
Marta Martini, Rosetta Ranaudo, Chiara Rossi, Carolina Gamini.
Adattamento e regia : Fulvio Ferrati

Un viaggio nell’ universo magico e intimo dell’animo femminile in cui 8 protagoniste danno voce alle loro più profonde realtà interiori e dipingono un puzzle in cui raccontarsi diviene una confessione a sé stesse e all’altro. La casalinga, la sognatrice, la ragazza di bottega, la cartomante, la moglie che subisce violenza domestica, la psichiatrica e l’artista sono in fondo un’unica meravigliosa presenza, un unico sguardo sul mondo variegato e sommesso in cui il teatro funge da macchina fotografica per incastonare questi ritratti muliebri dalle diverse tonalità emotive , dipinti con l’esperienza dell’esistere . Come donne.

 

Giovedì 9 e venerdì 10 marzo (PRIMA NAZIONALE)
EsserRe presenta
“PANDEMONIO – NON ADATTO ALLE VOSTRE MENTI” di Marco Giavatto
con Romina Bonciani, Chiara Ciofini, Marco Giavatto
Nicola Fornaciari e Benedetta Zanini
Regia Serena Politi

Quattro attori in profonda crisi di fronte all’esigenza di ideare il loro prossimo e attesissimo spettacolo. “Pandemonio” è uno spassosissimo viaggio metateatrale alla ricerca dello spettacolo perfetto: ogni tipo di rappresentazione prenderà forma, verrà costruita e disfatta, censurata, boicottata, realizzata, accattivando e affezionando il pubblico, divertendolo, commuovendolo per poi bruscamente ricondurlo nell’ incertezza perché alla fine, che cosa sarà realmente adatto alle vostre menti?

Sabato 11 e domenica 12 marzo (PRIMA NAZIONALE)

Associazione MalD’Estro presenta
“TRIANGLE – STORIA DI UN OMICIDIO” di Leonardo Venturi
con Sara Santarnecchi, Irene Floridi, Francesca Malfi,
Simona Venturi, Iacopo Biagioni, Andrea Mitri
Aiuto regia Sara Santarnecchi
Regia Leonardo Venturi

New York, 25 marzo 1911. All’ottavo piano della Triangle Shirtwaist Company si sviluppa un incendio. Gli operai che si trovavano all’ottavo piano e i dirigenti che si trovavano al decimo hanno il tempo di mettersi in salvo. Al nono piano però le porte erano state chiuse dall’esterno, per impedire che le operaie tessili potessero prendere una pausa. Il nono piano divenne una trappola infernale. I morti furono 146, in gran maggioranza donne, tra cui 39 italiane. La tragedia rimane ancora oggi il più grande incidente industriale della storia di New York ed è uno degli eventi ricordati nella giornata internazionale della donna. Con una messa in scena evocativa ed essenziale si ripercorrono gli ultimi momenti di vita delle operaie della Triangle attraverso le loro stesse voci. In un’alternanza di piani narrativi saremo ora nella fabbrica insieme alle operaie, ora in un piano onirico dove ci troveremo a tu per tu con i colpevoli del disastro: i proprietari della Triangle.

 

Da venerdì 17 a domenica 19 marzo
PAOLA TIZIANA CRUCIANI in
“ALTI E BASSI ”
un commedia scritta e diretta da Paola Tiziana Cruciani
con Manuela Bisanti e con il M° Alessandro Greggia

Chi frequenta quartieri alti, chi quartieri bassi. Chi vanta alti natali, chi viene dai bassi. Chi si ispira a alti ideali, chi cede ai bassi istinti. Chi vede la vita dall’alto, chi la subisce dal basso. Chi ha amato uomini alti, chi ha amato uomini bassi. Tutti nella vita conosciamo gli “alti e i bassi”, l’euforia del “tutto bene”, la disperazione del “me vorrei ammazzà”. Alti e bassi è l’ultimo irresistibile successo teatrale scritto interpretato e diretto da Paola Tiziana Cruciani, artista eclettica, molto amata dal pubblico e apprezzata per la sua duttilità e capacità di interpretare personaggi tra loro molto diversi. In questa esilarante commedia, accompagnata da Manuela Bisanti e Alessandro Greggia, la nostra attrice si sdoppia, per vestire i panni di entrambe le protagoniste: Palmira, che arriva col treno a Roma tutte le mattine per fare le pulizie e Sabrina, romana benestante da sempre che vive all’Olgiata. L’occasione di incontro tra le due viene offerta da un provino televisivo per un reality che vuole mettere insieme cinque donne ricche e cinque povere abbinate in coppie. Ne vedremo delle belle!

 

Da venerdì a domenica 26 marzo

Cantiere Obraz in collaborazione con Ciuchi Mannari presenta

“AFTER JULIET”

di Sharman Macdonald

con Paolo Ciotti e Michela Cioni

Adattamento e regia Alessandra Comanducci e Paolo Ciotti

“After Juliet”, la vita a Verona dopo la morte di Giulietta… e di Romeo. La vita dei Montecchi e dei Capuleti immersi in una pace di piombo. I vecchi tutti puniti, annullati. I giovani senza pace.

Potrebbe succedere a Verona, ma anche a Edimburgo, Dublino, New York, Liverpool.

After Juliet è un testo scritto con lo scopo di diffondere drammaturgie per giovani interpreti. S’incrociano al suo interno, così come nel testo shakespeariano i temi dell’amore, dell’odio e della rivalità fra bande di adolescenti. Collegato alla formazione dei giovani attori della Scuola Teatrale – Cantiere Obraz, il gruppo dei Ciuchi Mannari, dopo essersi confrontato con il testo di Pinocchio e con la drammaturgia di Beckett, ha l’occasione di misurarsi con il materiale testuale più noto al mondo: “Romeo e Giulietta” di Shakespeare.

 

Da giovedì 30 marzo a domenica 9 aprile (PRIMA NAZIONALE)

Compagnia stabile Teatro di Cestello presenta
“FIRENZE 1865-1915”
di Loretta Bellesi Luzi
regia di Marcello Ancillotti

Beppa la Fioraia, il Lachera, personaggi mitici in una Firenze prima Capitale poi città lanciata in una dimensione nazionale, dialogano con i letterati delle Giubbe Rosse e del caffè Michelangelo. Lontana dal torpore di capitale di un granducato invecchiato, si apre ad una nuova dimensione, dove le distruzioni del centro medioevale e delle sue mura portano alla nascità di una nuova coscienza. Loretta Bellesi,in una narrazione ricca di situazioni, di scontri e incontri tra il popolino, tra i nuovi venuti dal Nord e la nuova cultura cittadina, ci riporta all’affascinante Firenze che amiamo, quella che ancora una volta lancerà nel mondo le sue idee, diffonderà la sua arte, fino all’esplosione del Futurismo e all’ avvento della prima guerra mondiale.

 

Da mercoledì 19 a venerdì 21 aprile
FreezerDance Studio presenta
CRISTIAN RUIZ e LUCA GIACOMELLI FERRARINI in
“PROCESSO A PINOCCHIO”
Una psico commedia noir a carattere musicale di Andrea Palotto
con Valentina Arena, Brian Boccuini, Debora Boccuini, Elena Nieri
con Federico Zylka al pianoforte
SPETTACOLO VINCITORE MIGLIORI MUSCIHE ORIGINALI OSCAR DEL MUSICAL 2015

Chi ha ucciso con un colpo di martello il povero Salvatore Grillo di professione psicoterapeuta? Pino, accanto al corpo della vittima con in mano l’arma del delitto sembrerebbe la risposta più ovvia. Ma il presunto colpevole, che non tiene a freno le sue bugie, ha una moglie che non tiene a freno la sua lingua, “una” amante che non tiene a freno le sue voglie, “un” amante che non tiene a freno i suoi vizi e una mamma invadente che non tiene a freno la sua pazienza! Tutti presenti al momento del delitto, tutti convinti della sua colpevolezza. Tutti e nessuno! E allora non resta che ripercorrere eventi e situazioni, attraverso un percorso psicanalitico di gruppo condotto dalla vittima stessa, unica depositaria di una verità che non può rivelare per “segreto professionale”. Sarà lui a guidare il protagonista dentro e fuori dal tunnel della realtà per cercare, fra le sue psicosi, un movente che potrebbe dare un senso ai fatti e condurre la compagine verso un sempre rassicurante lieto fine! Perché in fondo ogni favola inizia con un “C’era una volta” e finisce con un “E vissero tutti felici e contenti”…O no?

 

Sabato 22 aprile (PRIMA NAZIONALE)

DONATELLA ALAMPRESE in
“FEMME”
Con Marco Giacomini (chitarra) e Alessandro Moretti (fisarmonica
Scene di Cecilia Micolano

Da “Le 4 voci di Eva”, l’ultimo grande concerto dedicato da Donatella Alamprese alla canzone declinata al femminile, nasce ora un nuovo spettacolo, idealmente connesso al precedente tramite la riproposizione dei brani di Edith Piaf, che ci introducono al mondo della canzone francese in un preciso periodo storico, tra gli anni ’30 e gli anni ’60. E’ l’affascinante narrazione della storia, umana e artistica, di quattro grandi donne: oltre alla Piaf, la “Venere nera” Josephine Baker, di origine afro-amerinda, che divenne un’icona vivente d’irresistibile bellezza nella Parigi degli anni Trenta, proponendosi poi, in segreto, durante la guerra, come insospettabile spia della Francia Libera a danno degli occupanti nazisti e, in seguito, lottando a fianco di Martin Luther King per i diritti della gente di colore; Juliette Greco, giovanissima partigiana prima, e poi simbolo stesso, con J.P. Sartre, del movimento esistenzialista degli anni ’50; infine Dalida, la cui storia di amori infelici e di depressione ha commosso, tanto quanto le sue mirabili capacità interpretative, il pubblico negli anni ’60. Donatella presterà, al ricordo di ciascuna, la sua voce straordinaria, interpretando successi che hanno segnato la storia della canzone del ‘900.

 

Mercoledì 3 e giovedì 4 maggio

Laboratorio Amaltea presenta
“NEL VERO SENSO DELLA VITA” di Bruno Magrini e Samuel Osman

con Jacopo Biagioni, Maurizio Pistolesi, Serena Politi, Antonio Timpano, Diana Volpe ed altri 2 attori in via di definizione

Aiuto regiaSerena Politi

Regia di Samuel Osman

The Meaning of Life (il Senso della Vita) uscì nei cinema nel 1983 e nel corso degli anni é diventato il punto di riferimento della comicità mondiale; attraverso quadri indimenticabili, partendo dalla nascita di un individuo e, attraversando i temi fondamentali dell’esistenza, arrivando (ahimè) alla morte. I super britannici Monty Python si ponevano quelle domande che sempre hanno tormentato e affascinato il pensiero dell’essere umano. A distanza di più di trent’anni Bruno Magrini e Samuel Osman, con la comparsa di nuovi brutali scenari all’orizzonte (una tecnologia sfrenata, fondamentalismi religiosi e masmediatici, un violento precariato e la costruzione di nuovi e inutili desideri) cercano di fissare nuove coordinate su questo mondo, provando a sviscerare una diversa riflessione su questo potere fatto di enormi eccessi e di persone sempre più schiacciate …

 

Da venerdì 5 a domenica 7 maggio
Canotto presenta
FRANCESCA NUNZI E MARCO SIMEOLI in
ROMA NAPOLI, UN’ORA DI TRENO PER MILLE RACCONTI

ommedia musicale scritta e diretta da Francesca Nunzi e Marco Simeoli
al pianoforte il Maestro Jacopo Fiastri

Commedia musicale scritta, diretta e interpretata da Marco Simeoli e Francesca Nunzi, con musiche dal vivo.
Due amici ma soprattutto due artisti eccezionali, due fuori classe, Francesca Nunzi e Marco Simeoli, conosciutisi e formatisi alla scuola di Gigi Proietti, tornano insieme sul palco per questo nuovo bellissimo spettacolo dove attraverso i loro multiformi talenti regalano al pubblico emozioni, risate e poesia in un ideale viaggio ferroviario e attraverso il tempo tutto da vivere! “Roma –Napoli un’ora di treno per mille racconti” è un percorso attraverso quelle parole e quagli stati d’animo che dall’800 a oggi hanno raccontato in versi, prosa e canzoni le mille facce di due delle città più umane e più “italiane” al mondo. Una Roma e una Napoli espressione di alcuni dei più grandi artisti del secolo scorso: De Filippo, Belli, Viviani, Trilussa, Di Giacomo, Petrolini … Il tutto intervallato da famose citazioni di coppie celebri del nostro cinema e da canzoni classiche e non nella migliore tradizione romana e napoletana, dove non possono mancare le intramontabili macchiette della coppia Pisano-Cioffi e alcune composizioni originali …
E allora gli eventuali accompagnatori sono pregati di scendere … signori in carrozzi … si parte!!!

 

Da venerdì 12 a domenica 28 maggio
Compagnia stabile Teatro di Cestello presenta
“LE SORELLE MATERASSI” di Aldo Plazzeschi
Riduzione originale di Oreste Pelagatti
Regia di Marcello Ancillotti

Oreste Pelagatti riscrive abilmente, per il teatro, “Sorelle Materassi” ,con la stessa leggerezza di cui è permeato l’omonimo romanzo di Palazzeschi. Riprendendo la sottile ironia dell’autore, Pelagatti condensa in due atti, la vicenda delle sorelle Teresa e Carolina che, assieme alla fida Niobe, vengono portate sul lastrico dal loro peccaminoso ma innocente amore verso il nipote Remo. Nel susseguirsi delle scene, anche in quelle dove il dramma sembra imminente, l’autore le stempera in commedia, quasi in farsa. Come la scena della cambiale, che chiude il nostro primo atto. Qua inizia la vera discesa delle ricamatrici fiorentine verso gli abissi della povertà trascinate dal nipote. Pare di trovarsi di fronte a certe scene dell’Opera buffa, con le zie piangenti e rinchiuse nel sottoscala, Giselda, la terza sorella, che canta a dispetto, Niobe che implora e Remo che passeggia nervosamente in su e giù. Tutta la scena viene portata avanti come vera scena madre di teatro ma con con una allegra e cinica conclusione che ci porterà ad amare ancora di più queste povere Sorelle Materassi aspettando di colpo in colpo il vero colpo di scena finale…

 

STAGIONE TEATRO RAGAZZI

Sabato 5, sabato 12 e sabato 19 novembre
Cantiere Obraz
“LA VERA STORIA DI CENERENTOLA”
Drammaturgia e regia di Alessandra Comanducci

21, 22, 23, 24, 26 dicembre
Compagnia stabile Teatro di Cestello presenta
“IL CANTO DI NATALE” di Charles Dickens
Regia di Marcello Ancillotti

Sabato 4 e sabato 11 febbraio
Cantiere Obraz
“LE BELLE FATE”
Drammaturgia e regia Cantiere Obraz

Sabato 1 e sabato 8 aprile
Cantiere Obraz
“ALICE CASCHERINA”
Drammaturgia e regia di Alessandra Comanducci

Giovedì 27 aprile
Cantiere Obraz
“L’UCCELLO DI FUOCO”
Drammaturgia e regia di Alessandra Comanducci

Sabato 13, domenica 14 e sabato 20 maggio
Compagnia stabile Teatro di Cestello presenta
“IL DECAMERONE – ALL’OSTERIA DI CHICHIBIO”
Commedia per attori e pupazzi dal Decameron di Boccaccio
Drammaturgia e regia di Marco Predieri

 

ORARIO SPETTACOLI: Sabato ore 16,30 – domenica ore 11 – giovedì 27 aprile ore 20,45

ABBONAMENTO spettacoli per ragazzi 4 INGRESSI € 30

 

FUORI STAGIONE

Mercoledì 19 e Giovedì 20 Ottobre

L’ Atelier Théâtre Francophone dell’Istituto Universitario Europeo presenta:
“L’EXTRAORDINAIRE TRANQUILLITÉ DES CHOSES”

di Lancelot Hamelin, Sylvain Levey, Philippe Malone Michel Simonot

Regia Chantal Maoudj

 

22-23 Ottobre 2016

PICCOLA RIBALTA presenta

“GRAZIE GATTO”

di Dory Cei e Silvano Nelli

regia Giuseppe Troilo

 

1 Dicembre 2016

IL TAPPETO VOLANTE presenta

“NON SARANNO FAMOSI”

di Deanna Melai

 

Mercoledì 14 dicembre
Piergiorgio Seidita Presenta
“ROMEO VS ROMEO”
testo e regia di Piergiorgio Seidita
con Luca Grispini e Nicolò Innocenzi

 

Giovedì 15 Dicembre

Luca Lastilla in concerto

#RICORDATI DI EMOZIONARTI

 

Mercoledì 25 e Giovedì 26 Gennaio

L’ Atelier Théâtre Francophone dell’Istituto Universitario Europeo presenta:
“PSICOSI DELLE 4.48 ”

di Sarah Kane

Regia Chantal Maoudj

Con Chiara Canestrini

 

15 Febbraio

Off Musical presenta

“COLORI”

di e con Lorenzo Salvatori

musiche dal vivo Francesco Russo

 

Giovedì 23 Febbraio

LAV presenta Giuseppe Lanino in

“LA CARNE E’ DEBOLE”

di Giuseppe Lanino

 

15 Aprile 201715 Aprile 2017

PIGOLIO DI STELLE presenta

“LA ZONA TRANQUILLA”

di Emilio Caglieri

regia Claudia Boscherini

 

LABORATORI TEATRALI

21 Ottobre 2016

laboratorio permanente GIOVANI SEMISTABILI

“NON C’E’ ALICE SENZA MERAVIGLIE”

scritto e diretto da Loretta Bellesi Luzi

 

17-18-19-20 Novembre 2016

laboratorio permanente TEATRO DI CESTELLO

“RUMORS”

di Neil Simon

regia Rosario Campisi

 

23 Novembre 2016

CLAP Mugello – Nuvole in viaggio

“ZIO VANJA”

da Anton Cechov

adattamento e regia Paolo Ciotti

24-25 Novembre 2016

laboratorio avanzato teatro fiorentino TEATRO DI CESTELLO

“LA ZONA TRANQUILLA”

di Emilio Caglieri

regia Remo Masini e Marcello Ancillotti

clicca-qui-per-scaricare-il-programma

 

BIGLIETTI E ABBONAMENTI

ABBONAMENTI stagione

(rinnovo abbonamenti da venerdì 8 luglio prenotazioni@teatrocestello.it – vendita nuovi abbonamenti 14 spettacoli da venerdì 15 luglio – vendita abbonamenti Jolly da giovedì 8 settembre)

Abbonamento 14 spettacoli fissi
(turno e posto fissi) € 140

Abbonamento 6 Jolly
(sei spettacoli a scelta a turno libero) € 66

BIGLIETTI stagione

Interi € 15

Ridotti € 13

ABBONAMENTO teatro ragazzi

4 ingressi € 30

BIGLIETTI teatro ragazzi

Posto unico numerato € 10

 

TEATRO DI CESTELLO piazza Cestello 4 Firenze – Tel. 055.294609
www.teatrocestello.it – prenotazioni@teatrocestello – Prevendite Box office

 

image_pdfimage_print