STAGIONE 2021-2022

CON IL CONTRIBUTO DI

Sabato 20 Novembre ore 20.45

Domenica 21 Novembre ore 16.45

DONATELLA ALAMPRESE

in

SERENATA A FIRENZE

con

chitarra Marco Giacomini

clarinetto Andrea Tinacci

contrabbasso Amedeo Ronga

voce recitante Tommaso Virga

scene  Cecilia Micolano

direzione artistica Marcello Ancillotti

UN VIAGGIO OTRE IL TEMPO E LO SPAZIO PER RACCONTARE FIRENZE ATTRAVERSO LE CANZONI CHE NE HANNO FATTO LA STORIA: DALLA VOCE DEI SUOI CANTORI, ORA MAGICA E AMMALIANTE, ORA BEFFARDA E GRAFFIANTE FINO ALLE NINNA NANNE DELLA TRADIZIONE ORALE E AI BRANI PIÙ FAMOSI DELLA CANZONE DEL ‘900.

UN PERCORSO SUGGESTIVO A CAVALLO TRA IL COLTO E IL POPOLARE NEL CUORE DELLE RADICI CULTURALI DELLA NOSTRA FIRENZE, RESPIRANDO L’ EMOZIONE, LA PASSIONE, IL CORAGGIO E LA BELLEZZA DELL’ ANIMA FIORENTINA E DELLA SUA GENTE. CANZONI DI IERI E DI OGGI INTERPRETATE ED ELABORATE IN MANIERA ORIGINALE CON LA PRESENTAZIONE DI BRANI INEDITI. 

IL PROGETTO È STATO OSPITATO PER LA PRIMA VOLTA NELL’AUDITORIUM DEL MUSEO DI KYOTO, CULTURE FOUNDATION IN OCCASIONE DELLA MOSTRA DI  LEONARDO DA VINCI PER LA CELEBRAZIONE DEL 50MO ANNIVERSARIO DEL GEMELLAGGIO FIRENZE- KYOTO, SOSTENUTO DALL’ ISTITUTO DI CULTURA DI OSAKA  E DALL’ AMBASCIATA ITALIANA

26 – 27 – 28 Novembre 

CANTIERE OBRAZ

presenta

IL RESPIRO DEL PUBBLICO – FESTIVAL”

26 NOVEMBRE 2021

Tri-boo in collaborazione con Sotterraneo

EVERY BRILLIANT THING

di

Duncan Macmillan

Traduzione e Regia di Michele Panella

con

Daniela D’Argenio Donati

Suoni Giorgi Khositashvili

Grafica Eleonora De Leo

Testo vincitore del 1° Premio EURODRAM; Migliore Traduzione; 2017.

Dopo una lunga attesa all’uscita di scuola, la protagonista, che al tempo frequentava la scuola elementare, si ritrova in macchina con il padre. Un viaggio segnato da un lungo silenzio che termina all’ospedale, dove la madre è ricoverata dopo il suo primo tentativo (fallimentare!) di suicidio. Appena vede la figlia fuori dalla sua stanza, la madre, con un filo di voce, riesce a dire solo un “non lei!”. Da questo momento, la protagonista, deve trovare il modo di reagire. Il senso di colpa comincia a insinuarsi dentro di lei. Deve trovare un modo per superare questo profondo turbamento e reagire e, sempre all’ospedale, trova il modo: scrivere una lista di tutte le cose per cui vale la pena vivere. Le prime 10 cose le scrive di getto. 1) Gelato, 2) Gavettoni, 3) Rimanere sveglia dopo l’orario per andare a letto e avere il permesso di guardare la tv. 4) Il colore giallo. 5)Tutte le cose a righe. 6) Le giostre. 7) Gente che scivola. 8) Succo. 9) Cioccolato. 10) Anziani gentili che non sono bizzarri e che non hanno quello strano odore.
Le successive sono frutto dei suoi percorsi di vita da bambina a studentessa universitaria e poi da adulta. La lista segue di pari passo la costruzione della sua identità̀ fino a quando riesce a capire quanto la lista avesse cambiato il suo modo di vedere il mondo.
“…se vivi tanto a lungo e arrivi alla fine dei tuoi giorni senza esserti mai sentito schiacciato, almeno una volta, dalla depressione, beh, allora vuol dire che non sei stato molto attento!”.

INFO, ORARI E PRENOTAZIONI
www.cantiereobraz.it
info@cantiereobraz.it | +39 328 1445127
___________________________________________________________

27 NOVEMBRE 2021

GOGMAGOG

SCHERZO MA NON TROPPO

Un progetto di GOGMAGOG e Stefano De Martin

Testo di

Virginio Liberti

con

Carlo Salvador

Regia Tommaso Taddei

Produzione GOGMAGOG, con la collaborazione di

FESTIVAL INTERNAZIONALE TEATRO AZIONE (San Casciano),

INEQUILIBRIO FESTIVAL (Castiglioncello)

e con il sostegno di

Regione Toscana-Sistema Regionale dello spettacolo

Attenzione! Oggi e solo oggi, voi e soltanto voi avrete un'occasione assolutamente irripetibile, da cogliere al volo. 
Un formidabile venditore proveniente da una lunga tradizione di venditori, un uomo dall’eloquio funambolesco e mutevole vi proporrà̀ un prodotto a cui è veramente difficile dire di no, un articolo a cui ogni persona viva (che desidera rimanere tale) non può̀ rinunciare.

Accorrete!
 Ascoltatelo attentamente, oltre a rendervi edotti sulle innegabili qualità̀, sulla naturalezza e sulla convenienza del prodotto, vi farà̀ partecipi delle sue straordinarie esperienze di vita in un incontro piacevole e leggero… come l’aria. 
Soddisfatti o rimborsati. 
Naturalmente scherzo …ma non troppo.

INFO, ORARI E PRENOTAZIONI
www.cantiereobraz.it
info@cantiereobraz.it | +39 328 1445127
___________________________________________________________

28 NOVEMBRE 2021 

Teatro dell’Elce

con il sostegno di Regione Toscana

IL SALONE DI Z***

PERFORMANCE SENSORIALE

Ideazione e Regia di Marco di Costanzo

con

Stefano Parigi e Roberto Caccavo

Il salone del barbiere da uomo è un universo di profumi nebulizzati,
 di mantelli bianchi a svolazzo, cavallini di metallo e tic-tac di sforbiciate: con i denti, con il filo, a macchinetta, da ritocco.

Prorasi, prodotti, profumi e prossimo cliente,
 e via shampoo-taglio-lozione e ancora barba pennello e sapone.
 Il barbiere parla e sta zitto, ascolta, ricorda e dimentica, confessa e assolve.
Tutti passano e lui resta.
 Il barbiere ti conosce e non ti nota, ti friziona col panno caldo,
 ti ammorbidisce col pennello, ti accarezza la gola con una lama affilata. Il barbiere è nobile e abile, è scurrile e ignobile.
 Il barbiere è un mondo allo specchio.

INFO, ORARI E PRENOTAZIONI
www.cantiereobraz.it
info@cantiereobraz.it | +39 328 1445127

Venerdì 3 Dicembre ore 20.45

Sabato 4 Dicembre ore 20.45

Domenica 5 Dicembre ore 16.45

TEATRO di CESTELLO – CdG

presentano

13 A TAVOLA

di

Marc Gilbert Savajon 

con

Maria Rita Scibetta – Marco Predieri – Martina Tarducci 

Graziano Dei – Marianna Minio – Sergio Biagini – Duccio Cirri

regia Marco Predieri

Un grande classico natalizio! “Tredici a tavola”, commedia la cui trama si potrebbe riassumere prendendo in prestito un altro celebre titolo, stavolta di Peppino de Filippo: “Non è vero ma ci credo”. Siamo alla vigilia di Natale, Antonio e Maddalena attendono ospiti per cena. Mentre si preparano ricontrollano la lista dei regali ed è qui che s’innesca il dramma. Tredici … in tutto a tavola, ospiti e padroni di casa, saranno in tredici! Mentre Antonio sembra non badare alla cosa, Maddalena inizia a smuovere mari e monti per evitare l’inevitabile … Essere in tredici a tavola la notte di Natale per lei non è proprio possibile, ma la superstizione non c’entra, macché … è una questione di matematiche certezze! Intanto che la caccia al quattordicesimo invitato si consuma, ripescando vecchie agende e parenti dimenticati, arrivano in clamoroso anticipo i primi invitati e con loro anche un’ospite inattesa, dall’estero … Una vecchia conoscenza di Antonio! Tutto si aggroviglia con conseguenze esilaranti fino al … botto finale! 

Mercoledì 8 Dicembre ore 16.45

CINZIA BERNI e FRANCESCA NUNZI

in

CHI M’HA VISTA

di

Francesca Nunzi e Cinzia Berni 

Prendendo spunto dal famoso programma” Chi l’ha visto” che da anni va in onda con grande successo, le autrici-attrici, con ironia e disincanto si chiedono se tutte le persone scomparse vogliano davvero essere ritrovate. In uno studio televisivo, Cinzia Berni nel ruolo della presentatrice, è alle prese con Francesca Nunzi che interpreta vari personaggi.

“Chi m’ha vista” è una carrellata di situazioni paradossalmente comiche, una girandola di eventi divertenti, ma anche uno sguardo cinico sulla realtà.

Giovedì 9 Dicembre ore 20.45

LE INVASIONI FIORENTINE

 con

Mirco Dinamo Rufilli – Filippo Giovannelli – Maurizio Pistolesi

Samuel Osman

Le invasioni Fiorentine sono un viaggio nelle tradizioni e nella storia di Firenze attraverso il vocabolario Fiorentino. 

Lo spettacolo è un percorso che, attraverso il filo conduttore delle parole Fiorentine famose e non, fa riscoprire, conoscere e ricordare tante parole che hanno fatto la storia della nostra città e che sono parte del vocabolario Italiano. 

Il viaggio è condotto da Mirco Dinamo Rufilli (Delegato alla Fiorentinità del Comune di Firenze) e Filippo Giovannelli (direttore del Corteo Storico Fiorentino)  che con la loro passione e conoscenza hanno trovato un modo diverso di promuovere un pezzo della città: Il vocabolario.

A completare lo spettacolo c’è la partecipazione di Maurizio Pistolesi, fiorentino doc, attore di teatro con decennale esperienza nei teatri Fiorentini nella parte dell’utilizzatore e Samuel Osman che mette al servizio delle invasioni la sua grande esperienza di attore e tecnico.

Sabato 11 Dicembre ore 20.45

BROADWAY SHOTS

BROADWAY SHOTS – LET’S CELEBRATE! 

Direzione Musicale: Riccardo Stopponi

Disegno Luci: Nicola Magnini

Movimenti Scenici: Lorenzo Micheletti

I Broadway Shots compiono quattro anni di attività! 
Coro di 25 elementi nato nel 2017, i Broadway Shots portano in scena, in forma concertistica, i più grandi successi tratti dal mondo del “Musical Theater”. Per festeggiare insieme questo traguardo, vi invitano a teatro per un concerto prenatalizio in cui saranno riproposte le vecchie glorie che hanno dato il via al progetto. Un’occasione per ascoltare capolavori tratti da Musical come Cats, Jeckyll & Hyde, Sweeney Todd, The Lion King…e molti altri.

Domenica 12 Dicembre ore 16.45

EMILIANO LUCCISANO

in

TUTTA LA VITA DI DIETRO

Venerdì 17 Dicembre ore 20.45

Sabato 18 Dicembre ore 20.45

Domenica 19 Dicembre ore 15.30

Giovedì 23 Dicembre ore 20.45

Venerdì 24 Dicembre ore 15.30

TEATRO di CESTELLO – CdG

presentano

CANTO DI NATALE

da

Charles Dickens 

con

scene e costumi Cecilia Micolano e Marcello Ancillotti

regia Marcello Ancillotti

Immancabile ritorno nel periodo delle feste, l’intramontabile “Canto di Natale” di Charles Dickens, in una messa in scena fiabesca che è già un consolidato successo. La storia dell’avaro Ebenezer Scrooge, usuraio nella Londra di metà ottocento,  e della sua conversione da spietato finanziere a benefattore ricolmo di spirito natalizio, rivive nella lettura colorata e ricca di scenografie e costumi proposta da Marcello Ancillotti. Un allestimento che ricostruisce le atmosfere del romanzo su di un palco mutevole, che svuotato dei tradizionali allestimenti richiama il gioco del teatro viaggiante. Tra fondali dipinti e carri in movimento, compaiono tutti  i personaggi della storia, il banco di cambio e usura di Scrooge, con il fedele Bob Cratchitt, il salotto e la camera da letto del vecchio, dove gli faranno visita i quattro fantasmi, la strada con le botteghe, la casa del nipote di Ebenezer, il cimitero …  

Venerdì 31 Dicembre ore 21.00

Sabato 1 Gennaio ore 20.45

Domenica 2 Gennaio ore 16.45

Giovedì 6 Gennaio ore 16.45

Venerdì 7 Gennaio ore 20.45

Sabato 8 Gennaio ore 20.45

Domenica 9 Gennaio ore 16.45

TEATRO di CESTELLO – CdG

presentano

LA SUPPOSTA EREDITA’ DEL CAVALIER NENCIONI

di Stefania Mancini e Maurizio Faggi

con

Maurizio Bartoli – Graziano Dei – Enrico Del Pace – Laura Frullini –

Marco Giachi – Rita Iacone – Concetta Lombardo – Debora Petracchi

regia Concetta Lombardo

Un prete furbastro, una perpetua impertinente, una famiglia avida, dei parrucchieri suonati e un playboy fanfarone, si agitano attorno alla supposta eredita’ di un vecchio milionario che in preda a manie di grandezza  sta sperperando tutto il suo patrimonio: ma non tutto e’ perduto per gli eredi ai quali non manca certo l’ingegno criminale!

Una pochade toscana in chiave crime dove la vicenda, mai  banale, si diverte a scambiare sorprendentemente i ruoli dei personaggi in un susseguirsi di scene esilaranti fino al  sorprendente finale.

Giovedì 13 Gennaio ore 20.45

LE INVASIONI FIORENTINE

 con

Mirco Dinamo Rufilli – Filippo Giovannelli – Maurizio Pistolesi

Samuel Osman

Le invasioni Fiorentine sono un viaggio nelle tradizioni e nella storia di Firenze attraverso il vocabolario Fiorentino. 

Lo spettacolo è un percorso che, attraverso il filo conduttore delle parole Fiorentine famose e non, fa riscoprire, conoscere e ricordare tante parole che hanno fatto la storia della nostra città e che sono parte del vocabolario Italiano. 

Il viaggio è condotto da Mirco Dinamo Rufilli (Delegato alla Fiorentinità del Comune di Firenze) e Filippo Giovannelli (direttore del Corteo Storico Fiorentino)  che con la loro passione e conoscenza hanno trovato un modo diverso di promuovere un pezzo della città: Il vocabolario.

A completare lo spettacolo c’è la partecipazione di Maurizio Pistolesi, fiorentino doc, attore di teatro con decennale esperienza nei teatri Fiorentini nella parte dell’utilizzatore e Samuel Osman che mette al servizio delle invasioni la sua grande esperienza di attore e tecnico.

Sabato15 Gennaio ore 20.45

Domenica16 Gennaio ore 16.45

MATTEO VACCA e MORGANA GIOVANNETTI

BUGIE

di Massimiliano Bruno

regia Marco Simeoli

Cosa succede dietro i microfoni delle nostre trasmissioni radiofoniche preferite? Massimiliano Bruno, in questa esilarante commedia, riesce con dis- sacrante ironia a farci divertire attraverso la storia di due conduttori radiofonici alle prese con una puntata molto speciale, a tratti difficile se non impossibile, del The Night Show. Alle cuffie, dietro il microfono ci sono Leo Battaglia, simpatico ed inaffidabile quarantenne affetto da ludopatia, e Vania Martini, spigliata dj, indubbiamente più giudiziosa rispetto al collega, ma anche piuttosto scombinata quando si parla di vita sentimentale.
Alle prese con improbabili ascoltatori, alcuni reali altri inventati al momento dai presentatori on air per carenza di chiamate, Leo e Vania passano da una carrellata di brani frutto delle richieste pervenute all’angolino musicale «dediche vintage», al finto e sfortunato collegamento di mezzanotte con Arianno Ciampoli del Tg di Pescara, passando per la rubrica cult «il bollettino dei marinai». Tra una diretta e l’altra i due conduttori si confidano paure, fallimenti, problemi, ma soprattutto tante “Bugie” che spesso sono costretti a raccontare… soprattutto a loro stessi…

Sabato 22 Gennaio ore 20.45

Domenica 23 Gennaio ore 16.45

GIORGIA TRASSELLI

INDAGINE SU ALDA MERINI 

NON FU MAI UNA DONNA ADDOMESTICABILE

di e con la partecipazione di Margherita Caravello

Uno sguardo ravvicinato sulla poetessa più controversa e condivisa, amata e citata da un pubblico sempre più vasto e di generazioni e occupazioni distanti . Alda Merini con le sua opera generosa ha raccontato un’epoca intera, e una donna sola: se stessa, ma con una lente così particolare da parlare a tutti e con ciascuno. In scena Giorgia Trasselli né interpreta scritti e pensiero.

Venerdì 28 gennaio ore 20.45

Sabato 29 Gennaio ore 20.45

Domenica 30 Gennaio ore 16.45

TEATRO di CESTELLO – CdG 

presentano

LA BELLA FABBRICA

di

Stefano Mezzani

con

Rosario Campisi – Paolo Ciotti – Chiara Migliorini

“Crisi Pignone preannunziata gravissima et imminente stop ho dovere informarla che città tutta reagirà senza soste et senza risparmio stop abbia bontà eccellenza intervenire presso ceti responsabili affinché sia evitata questa grave frattura sociale et politica stop Firenze è città capace di riservare sorprese amare stop nome di Dio prego la considerare estrema serietà situazione grazie”. Giorgio La Pira, Sindaco di Firenze. Telegramma inviato a Giuseppe Pella, Presidente del Consiglio dei Ministri, anno 1953.
Lo spettacolo nasce da una lunga ricerca, che si è avvalsa di testimonianze orali e di fonti bibliografiche, della ricostruzione di vite reali e immaginarie di persone che alla grande Storia della Pignone hanno partecipato. Ciascuna di queste voci è protagonista di un tratto del percorso e ci accompagna al tratto successivo, testimoniando stili di vita, linguaggi, sentimenti diversi.
Un’attrice e due attori si scambiano i ruoli del narratore e dei personaggi che il racconto, di volta in volta, evoca, donne e uomini vivissimi ed espressivi, tipici pur nella loro unicità. Voci di lavoratori, di industriali, di politici, di partigiani, di giornalisti.

Venerdì 4 febbraio ore 20.45

FRANCO PALMIERI e TEATRO BURBEK

presentano

IL CASO OLIVO

di

Cid Barret

con

Alessandro Becattini e Manfredi Burgio

adattamento e regia Franco Palmieri

Sul palco va in scena la vera storia di Olivo, l’uomo che fece a pezzi la moglie, la buttò in mare e fu assolto, attraverso un’intervista serrata ed incalzante che mette a nudo meandri inimmaginabili della mente umana e di una “strana” forma di amore. Il processo che si tiene nel giugno del 1904, passerà alla storia per la sua assurdità. La difesa di Olivo punta sull’infermità mentale, Olivo non è d’accordo e smentisce i suoi stessi avvocati, ma comunque la Corte stabilisce che Olivo non è colpevole di omicidio volontario e, non essendo stato posto alla giuria il quesito sull’omicidio preterintenzionale, l’imputato viene condannato solo per vilipendio e occultamento di cadavere.
Nel processo, tra i periti chiamati a testimoniare, c’è anche quello che è considerato il più importante criminologo italiano, Cesare Lombroso, che poi scriverà un libro sulla vicenda

Sabato 5 Febbraio ore 20.45

Domenica 6 Febbraio ore 16.45

MARCO SIMEOLI

MANCA SOLO MOZART

scritto e diretto da Antonio Grosso

Interprete raffinato, cresciuto con Gigi Proietti, Marco Simeoli porta in scena in questo spettacolo la storia vera dell’antico negozio musicale della sua famiglia, sito difronte al conservatorio di san Pietro a Majella, punto di riferimento delle attività musicali della città di Napoli. Il testo, scritto e diretto da Antonio Grosso, dà voce anche a chi ha frequentato quello storico spazio, come Matilde Serao, Roberto Murolo e Pino Daniele. Partendo da carte e spartiti ritrovati in una bottega d’arte sospesa nel tempo, si ripercorre la storia del nostro paese. Dai meravigliosi anni della Belle Époque, a quelli bui della Seconda guerra mondiale fino al boom economico degli anni ’70 e alla grande illusione degli anni ‘80 con Maradona, Troisi e Pino Daniele

Giovedì 10 Febbraio ore 20.45

LE INVASIONI FIORENTINE

 con

Mirco Dinamo Rufilli – Filippo Giovannelli – Maurizio Pistolesi

Samuel Osman

Le invasioni Fiorentine sono un viaggio nelle tradizioni e nella storia di Firenze attraverso il vocabolario Fiorentino. 

Lo spettacolo è un percorso che, attraverso il filo conduttore delle parole Fiorentine famose e non, fa riscoprire, conoscere e ricordare tante parole che hanno fatto la storia della nostra città e che sono parte del vocabolario Italiano. 

Il viaggio è condotto da Mirco Dinamo Rufilli (Delegato alla Fiorentinità del Comune di Firenze) e Filippo Giovannelli (direttore del Corteo Storico Fiorentino)  che con la loro passione e conoscenza hanno trovato un modo diverso di promuovere un pezzo della città: Il vocabolario.

A completare lo spettacolo c’è la partecipazione di Maurizio Pistolesi, fiorentino doc, attore di teatro con decennale esperienza nei teatri Fiorentini nella parte dell’utilizzatore e Samuel Osman che mette al servizio delle invasioni la sua grande esperienza di attore e tecnico.

Venerdì 11 febbraio ore 20.45

PIGOLIO DI STELLE

presenta

GRAZIE GATTO

ovvero Leonida guerriera fiorentina

di

Silvano Nelli e Dori Cei

regia Valentina Ugolini

La morte di una ricca pensionante inglese crea diverse difficoltà economiche alla famiglia di Leonida, fino all’apertura del testamento della signora. La defunta, infatti, ha disposto un lascito mensile ai padroni di casa per il mantenimento del suo vecchio e adorato gatto. Leonida pertanto si prodiga esageratamente per assicurare il benessere dell’animale, sperando che viva il più a lungo possibile. “Grazie gatto ovvero Leonida guerriera fiorentina” è una brillante commedia in cui gli autori delineano un divertente angolo di vita, descrivendo personaggi a volte avidi, a volte cinici e a volte egocentrici con il classico umorismo che caratterizza lo stile vernacolare fiorentino.

Sabato12 Febbraio ore 20.45

Domenica13 Febbraio ore 16.45

ATOMI BROS

presenta 

TUTTI GIU’ PER TERRA

con

Ciro Esposito – Salvatore Catanese – Rosario Minervini

testo e regia Atomi Bros

Una notte, tre sconosciuti dalle dubbie qualità morali, si incontrano sul tetto di un palazzo con lo stesso scopo. Insofferenti delle proprie esistenze si sono resi conto di aver imboccato una strada che li ha portati in un vicolo cieco. Lassù, ognuno di loro vorrebbe essere solo, invece si ritrovano a confrontarsi, a deridersi a causa delle loro diversità, a mostrare le proprie vulnerabilità e finiscono per parlare delle loro vite, degli errori, degli amori. Così, messi di fronte a sé stessi come davanti ad uno specchio, si chiedono come mai sono finiti su quel tetto, nello stesso giorno, alla stessa ora e con le stesse, precise intenzioni.

Venerdì 18 Febbraio ore 20.45

Sabato 19 Febbraio ore 20.45

Domenica 20 Febbraio ore 16.45

A.C. PUNTI DI VISTA

presenta 

IL BARBIERE DI SIVIGLIA

“commedia ironico musicale”

di

Pierre-Augustin Caron de Beaumarchais

regia  Silvia Rabiti 

Colonna sonora originale di Alessandro Luchi

“Tutti conoscono questo titolo grazie alla celebre opera lirica di Rossini. Ma l’opera teatrale di Beaumarchais, da cui è tratta, è particolare e ben strutturata. Ci sono intrighi, colpi di scena, personaggi interessanti. E’ un peccato non portare una storia così in un teatro di prosa! È un peccato non vederla sotto un altro punto di vista e non riscoprirne la ricchezza narrativa, con una recitazione più spontanea.
La musica parla direttamente al nostro cuore. Il talento musicale di Alessandro Luchi a disposizione di questo progetto teatrale è una grande occasione. Musiche composte appositamente per accompagnare le emozioni che vivono i personaggi.
Fino a 50 anni fa la gente cantava per strada ed era normale, era un modo per comunicare il proprio stato d’animo. Certo anche oggi ci esprimiamo, ma lo facciamo spesso virtualmente, difficilmente ci mettiamo allo “scoperto”. Si è persa quella spontaneità che ci faceva esprimere fisicamente, in corpo e voce. La vita non è fatta di sola tecnica. I personaggi del nostro Barbiere cantano e ballano come potrebbe fare ciascuno di noi “così tanto per cantare” (Barbiere Atto I)” Silvia Rabiti

Venerdì 25 Febbraio ore 20.45

LE SIGNORINE

presentano 

UN VENERDI’ CON I CANTAUTORI

(parte prima)

LUCIA AGOSTINO – CLAUDIA CECCHINI – BENEDETTA NISTRI

chitarra: Pietro Guarracino 

contrabbasso: Tommaso Faglia

percussioni: Duccio Bonciani

arrangiamenti: Francesco Giorgi

Dedicato alla musica di alcuni tra i più importanti cantautori italiani, un caffè con i cantautori è un concerto cantato e suonato dal vivo, nel pieno stile del trio vocale Le Signorine. Filo conduttore è l’eleganza e la poesia che caratterizzano tutti i pezzi scelti, accuratamente riarrangiati per trio vocale. In questo concerto le Signorine scelgono un’atmosfera incantata, quasi onirica trasportando il pubblico nella magia che solo la musica dei cantautori italiani riesce a trasmettere. Gli accessori, le acconciature e i costumi dello spettacolo sono ricercatamente vintage e curati nei minimi dettagli.

Sabato 26 Febbraio ore 20.45

Domenica 27 Febbraio ore 16.45

DANILA STALTERI e FABIO FERRARI

IN

MANCO FOSSI LAURA CHIATTI

di

Danila Stalteri

“Manco fossi Laura Chiatti” è una commedia brillante a tratti amara che racconta le (dis)avventure di una ragazza che vorrebbe solo riuscire a realizzare il sogno di fare l’attrice nonostante non sia un “nome”. “Che promesse grandi che fai. È per deludenti meglio!”: se l’avessero scritta i fratelli Grimm la favola comincerebbe così. Chi sceglie di fare l’attore conosce bene il suono delle portesbattute e il sapore delle promesse non mantenute, ma la nostra protagonista decide di raccontare la sua favola con sincerità e molta, moltissima ironia. Grazie alla capacità di trasformista di Danila il pubblico conoscerà un enigmatico pedagogo teatrale russo, un’insegnante americana dai metodi bizzarri; gli scalcagnati clienti di una sala scommes- se; aspiranti attrici che partecipano a workshop al limite della psicosi; attori in cerca di lavoro che approfittano del funerale di una persona famosa per consegnare foto e curriculum… Il tutto intramezzato dalle telefonate di una mamma petulante che la vorrebbe “sistemata”, di un agente-playboy e di un amico commediografo che le suggerisce delle “strategie originali” per diventare famosa …. Cantando e ballando sui fili di questa grande ra- gnatela la protagonista con orgoglio, ma anche tanta umiltà, ci mette di fronte ad un finale aperto che lascia a noi le conclusioni

Giovedì 3 Marzo ore 20.45

Venerdì 4 Marzo ore 20.45

Sabato 5 Marzo ore 20.45

Domenica 6 Marzo ore 16.45

TEATRO di CESTELLO – CdG 

presentano

IL PICCOLO PRINCIPE

da

Antoine de Saint-Exupéry

regia Raffaele Totaro

Un pilota di aerei, precipitato nel deserto del Sahara, incontra inaspettatamente un bambino che gli chiede «Mi disegni una pecora?».
Inizia così l’avventura di questo piccolo principe che, di pianeta in pianeta, incontra tanti bizzarri personaggi, rimanendo stupito dalla stranezza dei grandi, perché in fondo «I grandi non capiscono mai niente da soli, ed è faticoso, per i bambini, star sempre lì a dargli delle spiegazioni».
Il piccolo principe è un’allegoria della società adulta che parla di amore, amicizia e si interroga sul profondo senso della vita.

Martedì 8 Marzo ore 20.45

TEATRO di CESTELLO – CdG 

presentano

E SE FOSSE VERO?

storie di sogni e sognatrici

Un’improvvisata guida accompagna un gruppo di esploratrici in un viaggio avventura nel bosco. I tentativi perigliosi, a volte disastrosi, di allestire l’accampamento fanno da cornice alle conversazioni sull’amore, la natura e la vita. Grazie all’aiuto dei suoi spiriti, Terra, Fuoco e Aria, Gea condurrà le donne verso la rivelazione dell’intima frattura che le separa dalla Madre Terra e verso una nuova consapevolezza che le accompagnerà sulla via del ritorno. 

L’esperienza vissuta negli ultimi due anni ci ha portato a sperare nel riconoscimento, da parte dell’Essere Umano, dell’indissolubile legame con la Natura. È questo pensiero che ha spinto le Donne del Cenacolo dei Giovani a indagare con ironia l’intimo dialogo con la Madre Terra e a contribuire, sostenute dal nostro pubblico, alla voglia profonda di cambiamento, ancora una volta ispirate dal “viaggio” come luogo di scoperta del sé.

scene e costumi Cecilia Micolano

regia Elena Baistrocchi

Giovedì 10 Marzo ore 20.45

Venerdì 11 Marzo ore 20.45

Sabato 12  Marzo ore 20.45

Domenica 13 Marzo ore 16.45

A.C.D.C. Production

presenta

SEMPRE TUO

commedia musicale

di

Riccardo Giannini

con

Riccardo Giannini – Simone Marzola – Simone Fisti – Diana Volpe

regia Riccardo Giannini

La commedia è liberamente ispirata alle lettere di Eleuterio e Sempre tua, famosi skecth radiofonici di Jurgens, realizzati per un programma dei primi anni settanta “Gran Varieta’ ,che con raffinato umorismo indagavano le difficoltà e le tenerezze di un rapporto sentimentale e di convivenza. Nel nostro intreccio tali difficoltà aumentano… se si pensa che la coppia in questione è una coppia formata da due uomini, nei primi anni settanta, in un tempo dunque con vedute e prospettive di accettazione completamente diverse da quelle attuali. Le mura domestiche diventano dunque l’unico spazio di espressione dei protagonisti, in un’Italia ancora non pronta ad aprirsi alla libera espressione delle diverse sensibilità personali e sentimentali. Lo spettacolo manterrà la vena comica e umoristica mischiata a quella malinconica e di amarezza che hanno fatto grande la famosa Commedia all’Italiana. A sottolineare l’ emozioni e i desideri dei personaggi ci saranno delle parti musicali cantate dal vivo. Amori, tenerezze, gelosie, discussioni e litigi faranno di Sempre Tuo uno spettacolo vicino a tutti.

Giovedì 17 Marzo ore 20.45

LE INVASIONI FIORENTINE

 con

Mirco Dinamo Rufilli – Filippo Giovannelli – Maurizio Pistolesi

Samuel Osman

Le invasioni Fiorentine sono un viaggio nelle tradizioni e nella storia di Firenze attraverso il vocabolario Fiorentino. 

Lo spettacolo è un percorso che, attraverso il filo conduttore delle parole Fiorentine famose e non, fa riscoprire, conoscere e ricordare tante parole che hanno fatto la storia della nostra città e che sono parte del vocabolario Italiano. 

Il viaggio è condotto da Mirco Dinamo Rufilli (Delegato alla Fiorentinità del Comune di Firenze) e Filippo Giovannelli (direttore del Corteo Storico Fiorentino)  che con la loro passione e conoscenza hanno trovato un modo diverso di promuovere un pezzo della città: Il vocabolario.

A completare lo spettacolo c’è la partecipazione di Maurizio Pistolesi, fiorentino doc, attore di teatro con decennale esperienza nei teatri Fiorentini nella parte dell’utilizzatore e Samuel Osman che mette al servizio delle invasioni la sua grande esperienza di attore e tecnico.

Venerdì 18 Marzo ore 20.45

LE SIGNORINE

presentano 

UN VENERDI’ CON I CANTAUTORI

(parte seconda)

LUCIA AGOSTINO – CLAUDIA CECCHINI – BENEDETTA NISTRI

chitarra: Pietro Guarracino 

contrabbasso: Tommaso Faglia

percussioni: Duccio Bonciani

arrangiamenti: Francesco Giorgi

Dedicato alla musica di alcuni tra i più importanti cantautori italiani, un caffè con i cantautori è un concerto cantato e suonato dal vivo, nel pieno stile del trio vocale Le Signorine. Filo conduttore è l’eleganza e la poesia che caratterizzano tutti i pezzi scelti, accuratamente riarrangiati per trio vocale. In questo concerto le Signorine scelgono un’atmosfera incantata, quasi onirica trasportando il pubblico nella magia che solo la musica dei cantautori italiani riesce a trasmettere. Gli accessori, le acconciature e i costumi dello spettacolo sono ricercatamente vintage e curati nei minimi dettagli.

Sabato 19 Marzo ore 20.45

Domenica 20 Marzo ore 16.45

DONATELLA ALAMPRESE

in

ALISEI

con

chitarra Marco Giacomini

clarinetto Andrea Tinacci

contrabbasso Amedeo Ronga

scene  Cecilia Micolano

Venti che soffiano con regolarità e per questo in passato servirono a tracciare le grandi rotte oceaniche per gli esploratori del Nuovo Mondo. Venti che hanno contribuito a dare forza e realtà ai sogni visionari dei na-viganti-poeti. Venti che rappresentano la freschezza delle idee e degli stili artistici. Venti di libertà. Venti por-tatori di pioggia, quindi di vita. venti che varcano i confini, costruiscono comunicazione, demoliscono le cer-tezze e ispirano la poesia del nomadismo culturale. Venti musicali perché si muovono con la stessa fluidità sulle onde oceaniche come su quelle sonore. Venti che non guardano indietro e lasciano il passato senza rimpianto. Venti di cambiamento. Venti transoceanici. Venti di bellezza. Venti dalla linea classica che poi si muovono verso il futuro, senza l’ansia di anticiparlo. Venti che diventano metafore, suscitano stupore, in-cantano come la voce degli sciamani. Venti del mare, delle praterie, della steppa, dei grandi spazi. Venti del-le sirene e delle tigri siberiane. Venti dell’anima. Chi si affida agli Alisei segue l’istinto non la razionalità. L’armonia non il conflitto. Il cuore che pulsa e che pensa.

Giovedì 24 Marzo ore 20.45

Venerdì 25 Marzo ore 20.45

Sabato 26 Marzo ore 20.45

Domenica 27 Marzo ore 16.45

TEATRO di CESTELLO – CdG

presentano

LA DIVINA COMMEDIA”

DALLA EDIZIONE ESPOSTA E COMMENTATA
IN 100 SONETTI FIORENTINESCHI UMORISTICI E SATIRICI
DI VENTURINO CAMAITI
NEL VI CENTENARIO DANTESCO – 1921

video Alessandro Benedetti

scene e costumi  Alessandro Benedetti e Debora Petracchi

regia Marcello Ancillotti

Venturino Camaiti, detto anche Fra Succhiello da Firenze, fu autore satirico e poeta italiano, vissuto a cavallo tra il diciannovesimo e il ventesimo secolo, anzi meglio gli calza la definizione di trovatore popolare di sonetti canzonette e prose in vernacolo fiorentino. Pubblicò più di venti opere, ma tra le sue più celebri c’è proprio questa rivisitazione dantesca, concepita e data alle stampe esattamente un secolo fa, per celebrare il sesto centenario del Sommo Vate. Lui stesso definì questo suo omaggio all’illustre concittadino esiliato “una Dinvna Commedia esposta e commentata in cento sonetti fiorentineschi umoristici e satirici”. Un linguaggio non facile da riscoprire, molto libero e libertino … Marcello Ancillotti, mentendo fede alla propria vocazione di studioso e “restauratore” del patrimonio drammaturgico e letterario popolare della nostra città celebra così, dirigendo la sua compagnia, il settimo centenario Dantesco e con esso il primo di questo originale e brillante divertissement goliardico.

Venerdì 1 Aprile ore 20.45

CLAP MUGELLO

presenta

JURIJ GAGARIN, AL SECOLO GIGI

BLASFEMO VAUDEVILLE DEGLI STRULLI NATI MALE, VOLATI POCO E MORTI DI BELLEZZA

con      

regia Paolo Ciotti

Gigi. Luigi. Gagarin per gli amici.
Tutta la vita a inseguire le stelle, lo spazio.
Tutta una vita tesa verso il cielo. E adesso che il cielo lo chiama, è confuso, aggrovigliato com’è nelle relazioni terrene.
Terra e cielo, in questa notte, si toccano dando vita a un vorticarsi di incontri che in scena attraversano la commedia degli equivoci, la tragedia degli eroi, la suspense del giallo, l’affabulazione narrativa.
Onirico fin dalla prima scena, il percorso di Gigi di accettazione della sua morte lo vede al centro di un confronto tra aldiqua e aldilà con il supporto dei relativi personaggi coi quali ha tessuto quella rete che adesso si accinge a strappare per lanciarsi nel suo volo verso quello spazio che lo ha sempre così tanto attratto.
Scritto e interpretato in lingua toscana, lo spettacolo continua l’indagine sulle vite degli ultimi, degli “strulli” che volano poco, ma che muoiono di bellezza. Indagine che ha inizio con il testo Marilina del 2013 e che avrà termine con un terzo prossimo testo.

Son nata bambina e son morta stella. Un ce l’ho ancora un nome. Dammelo te. Son morta da stella perché tu mi potessi guardare pe’ sempre. Ora che anche te tu poi volare vieni a guardammi negli occhi. Ti spunterà una parola dai labbri e quello sarà i’ nome giusto per me.

Sabato 2 Aprile ore 20.45

Domenica 3 Aprile ore 16.45

ALTROVE TEATRO

presenta

QUARTET

di

con

 Patrizia Ficini – Rita Iacone – Remo Masini – Mario Salvaderi 

  regia Marco Predieri

Quattro glorie della lirica, alfieri del bel canto, con le loro storie, i ricordi delle carriere, segreti, inconfessati, forse …. Il palcoscenico del loro nuovo incontro è però quello di una casa di riposo per artisti … Cosa accade se a questi caratteri tanto particolari, energici, ironici, irascibili, che hanno vissuto di arte e di fama … viene offerto di riprendere insieme quello che fu un vero cavallo di battaglia, che li vide protagonisti nel pieno del successo, il celeberrimo quartetto del Rigoletto, per rendere omaggio all’anniversario di Giuseppe Verdi, in una serata di gala? Tra rivelazioni, confessioni e qualche invenzione i nostri quattro protagonisi troveranno il mondo non solo di riappropriarsi delle scene ma anche di far riascoltare al mondo le loro voci, riscoprendosi giovani e gloriosi, come … allora …

Giovedì 7 Aprile ore 20.45

Venerdì 8 Aprile ore 20.45

Sabato 9 Aprile ore 20.45

Domenica 10 Aprile ore 16.45

TEATRO di CESTELLO – CdG

presentano

SUSSI E BIRIBISSI

da Collodi nipote

adattamento Alessandro Grisolini

con

scene Marco Monciatti

luci Lorenzo Castagnoli

  regia  Lorenzo Lombardi

Credevamo che uno dei libri della nostra infanzia toscana, Sussi e Biribissi, fosse ormai uno di quei detriti ingombranti che ci stanno tra i piedi per un po’ finché non vengono abbandonati e dimenticati. L’avvento di storie e personaggi nuovi, più in tecnologica sintonia con i tempi, ci sembrava avessero reso incongrue le avventure dei due monelli fiorentini, alla ricerca di un centro della terra che passa per le fogne e riaffiora nella cantina di un convento.L’elemento magico apportato a questo spettacolo sta nella presenza di animali parlanti che interagiscono tra di loro e con alcuni dei protagonisti dello spettacolo. Tutto questo viene realizzato con marionette che portano gli spettatori nella dimensione fantastica del racconto. Bernard Vandal,  marionettista costruttore dei personaggi dello spettacolo e manipolatore è un professionista del mondo della marionetta che da vent’anni si esibisce in contesti internazionali del mondo del teatro di figura.

Giovedì 14 Aprile ore 20.45

LE INVASIONI FIORENTINE

 con

Mirco Dinamo Rufilli – Filippo Giovannelli – Maurizio Pistolesi

Samuel Osman

Le invasioni Fiorentine sono un viaggio nelle tradizioni e nella storia di Firenze attraverso il vocabolario Fiorentino. 

Lo spettacolo è un percorso che, attraverso il filo conduttore delle parole Fiorentine famose e non, fa riscoprire, conoscere e ricordare tante parole che hanno fatto la storia della nostra città e che sono parte del vocabolario Italiano. 

Il viaggio è condotto da Mirco Dinamo Rufilli (Delegato alla Fiorentinità del Comune di Firenze) e Filippo Giovannelli (direttore del Corteo Storico Fiorentino)  che con la loro passione e conoscenza hanno trovato un modo diverso di promuovere un pezzo della città: Il vocabolario.

A completare lo spettacolo c’è la partecipazione di Maurizio Pistolesi, fiorentino doc, attore di teatro con decennale esperienza nei teatri Fiorentini nella parte dell’utilizzatore e Samuel Osman che mette al servizio delle invasioni la sua grande esperienza di attore e tecnico.

Venerdì 22 Aprile ore 20.45

Sabato 23 Aprile ore 20.45

Domenica 24 Aprile ore 16.45

TEATRO di CESTELLO – CdG

presentano

LA VILLANA DI LAMPORECCHIO

ovvero la riunione dei pazzi cervelli

di

Luigi Del Buono

scene Cecilia Micolano

regia Marcello Ancillotti

La campagna o la città? essere servi o essere padroni? poveri o ricchi…? La commedia ci racconta di un trasloco fisico dalla campagna alla città e di un trasloco “sociale” dalla condizione di servi a quella di padroni. L’improvvisa e improbabile eredità di Dorotea, villana di Lamporecchio porta tutta una serie di personaggi che sono in relazione con lei, ad entrare, più o meno volutamente in un gioco di bugie travestimenti e inganni. E così tra ” miseria e nobiltà” i personaggi nei loro goffi e ridicoli tentativi di essere ciò che vorrebbero e non sono, ci regalano una classica parodia del potere e della ricchezza. I sogni e le speranze di questi caratteri sull’orlo della pazzia, durano però quanto una bolla di sapone…

Giovedì 5 Maggio ore 20.45

Venerdì 6 Maggio ore 20.45

Sabato 7  Maggio ore 20.45

Domenica 8 Maggio ore 16.45

A.C.D.C. production

presenta

 TOC TOC 

di

Laurent Baffie

adattamento  Riccardo Giannini

cast in via di definizione

regia Riccardo Giannini

Sei pazienti affetti da disturbo ossessivo-compulsivo sono invitati a un appuntamento personale, da un famoso psicologo, considerato quasi un filantropo per l’abitudine di ricevere gratuitamen- te le persone, almeno per una seduta consultiva. Poco dopo l’arrivo e l’accomodamento nella sala d’aspetto gli ospiti/pazienti scoprono però che qualcosa evidentemente non va … l’appuntamento ricevuto, da tutti e sei, infatti è alla medesima ora, per di più lo psicologo è assente. Mentre aspettano che il disguido si chiarisca si trovano a dialogare tra loro … fino a maturare la curiosa decisione di intraprendere, loro stessi, in autonomia, una sorta di auto-terapia di gruppo.

Venerdì 13 Maggio ore 20.45

Sabato 14 Maggio ore 20.45

Domenica 15 Maggio ore 16.45

Venerdì 20 Maggio ore 20.45

Sabato 21 Maggio ore 20.45

Domenica 22 Maggio ore 16.45

TEATRO di CESTELLO – CdG

presentano

            LE AVVENTURE DELLA VILLEGGIATURA        

di

Carlo Goldoni

regia Marcello Ancillotti

Giovedì 19 Maggio ore 20.45

LE INVASIONI FIORENTINE

 con

Mirco Dinamo Rufilli – Filippo Giovannelli – Maurizio Pistolesi

Samuel Osman

Le invasioni Fiorentine sono un viaggio nelle tradizioni e nella storia di Firenze attraverso il vocabolario Fiorentino. 

Lo spettacolo è un percorso che, attraverso il filo conduttore delle parole Fiorentine famose e non, fa riscoprire, conoscere e ricordare tante parole che hanno fatto la storia della nostra città e che sono parte del vocabolario Italiano. 

Il viaggio è condotto da Mirco Dinamo Rufilli (Delegato alla Fiorentinità del Comune di Firenze) e Filippo Giovannelli (direttore del Corteo Storico Fiorentino)  che con la loro passione e conoscenza hanno trovato un modo diverso di promuovere un pezzo della città: Il vocabolario.

A completare lo spettacolo c’è la partecipazione di Maurizio Pistolesi, fiorentino doc, attore di teatro con decennale esperienza nei teatri Fiorentini nella parte dell’utilizzatore e Samuel Osman che mette al servizio delle invasioni la sua grande esperienza di attore e tecnico.

Venerdì 27 Maggio ore 20.45

Sabato 28 Maggio ore 20.45

LABORATORIO ARCA

presenta

DELITTO A VILLA ALBANI

gli strani casi del Commissario Alberti

di

Raffaele Totaro

regia Samuel Osman

La tranquillità di Villa Albani viene sconvolta da un omicidio. Il cugino del Conte viene trovato assassinato e, per trovare il colpevole, indaga l’eccentrico Commissario Alberti, coadiuvato dall’immancabile ispettore Andrei. Un mix di umorismo e suspence vi condurrà sino alla scoperta dell’assassino.