MA CHE BEL CESTELLO – TEATRO RAGAZZI

28 ottobre e 4 novembre
CANTIERE OBRAZ | NUVOLE IN VIAGGIO
“LE BELLE FATE”
di Alessandra Comanducci
con Michela Cioni, Alessandra Comanducci, Camilla Pieri
regia Alessandra Comanducci

 

“La fantasia fa parte di noi come la ragione: guardare dentro la fantasia è un modo come un altro per guardare dentro noi stessi”. (Gianni Rodari)

Il mondo delle fate è tutto scombinato… non si sa cosa può essere stato!”. Pinocchio, la Bella Addormentata, il Lupo, i Tre Porcellini: il mondo delle fiabe sembra davvero essere sconvolto da qualcosa di inspiegabile. I nonni sembrano non ricordarsi le favole e i bambini adesso come fanno? Toccherà alle Belle Fate andare in giro tra mondo reale e mondo delle favole per salvare questa inspiegabile questione. Le Belle Fate sono disoccupate perché nessuno le chiama più dal mondo reale. Le persone hanno dimenticato le fiabe e dappertutto imperversa un’aria di guerra e comandano i generali. Saranno i bambini a convincerli a far tornare le fate e a gettare le armi.

 

20-21-22-23-24-26 dicembre
TEATRO DI CESTELLO e CdG
“CANTO DI NATALE”
di Marcello Ancillotti da Charles Dickens
regia Marcello Ancillotti

Immancabile ritorno nel periodo delle feste, l’intramontabile “canto di natale” di Charles Dickens, in una messa in scena fiabesca che è già un consolidato successo. La storia dell’avaro Ebenezer Scrooge, usuraio nella Londra di metà ottocento,  e della sua conversione da spietato finanziere a benefattore ricolmo di spirito natalizio, rivive nella lettura colorata e ricca di scenografie e costumi proposta da Marcello Ancillotti. Un allestimento che ricostruisce le atmosfere del romanzo su di un palco mutevole, che svuotato dei tradizionali allestimenti richiama il gioco del teatro viaggiante. Tra fondali dipinti e carri in movimento, opere di Cecilia Micolano e dello stesso Ancillotti, compaiono tutti i personaggi della storia, il banco di cambio e usura di Scrooge, con il fedele Bob Cratchitt, il salotto e la camera da letto del vecchio, dove gli faranno visita i quattro fantasmi, la strada con le botteghe, la casa del nipote di Ebenezer, il cimitero …

 

6 -13 gennaio
CANTIERE OBRAZ | NUVOLE IN VIAGGIO
“LA VERA STORIA DI CENERENTOLA”
con Alessandro J. Bianchi, Michela Cioni, Paolo Ciotti, Alessandra Comanducci,
Thomas Harris, Camilla Pieri
regia Alessandra Comanducci

Cenerentola è la fiaba più classica di tutte, originaria forse dell’Antico Egitto o della Cina. E’ una storia trasversale comune a moltissimi popoli, in cui la bella orfana attraverso il suo mite carattere, la sua bellezza e ovviamente un “pizzico di magia” riesce a riscattarsi dalla condizione di sottomissione e a realizzare i suoi sogni. La storia appare in circa 300 varianti ed è stata fonte d’ispirazione per Opera, Balletto, Teatro e Cinema, si tratta di uno sconfinato materiale da cui è interessante estrapolare tratti comuni e differenze. Secondo questo spirito nasce lo spettacolo “La vera storia di Cenerentola”: un gioco teatrale fra attori e piccoli spettatori, fra vero e finto, fra attore e personaggio, teatro e vita.

 

17-24 marzo
CANTIERE OBRAZ | NUVOLE IN VIAGGIO
“RICICLAMONDO”
con Alessandro J. Bianchi, Michela Cioni, Paolo Ciotti, Alessandra Comanducci,
Fabrizio Pezzoni, Camilla Pieri
regia Alessandra Comanducci

La pratica del riciclaggio prevede un articolato sistema organizzativo che coinvolge la società a partire dal singolo cittadino (o consumatore) fino alle imprese di riciclaggio e smaltimento.
Per il buon funzionamento di un sistema di riciclaggio è difatti necessario che il cittadino partecipi al processo attraverso la RACCOLTA DIFFERENZIATA.

Da questa riflessione muove i suoi passi lo spettacolo RICICLAMONDO: un modo divertente e spensierato per invogliare bambini e ragazzi alla pratica del RICICLAGGIO e del RIUSO, sempre più necessaria nella nostra società.Gina la lattina e altri quattro rifiuti (Ciocco il giornale, Petronia la bottiglia di plastica, Crepapelle la bottiglia di vetro eL’Arancia Marcia) si trovano chiusi insieme, senza ricordarsi da dove vengono, in un sacchetto della spazzatura all’incrocio di una grande strada di città. Appena capiscono di essere stati gettati, vengono trasportati alla discarica dal camion della spazzatura, dove dovranno essere mangiati dall’Inceneritore.Ma arrivati alla discarica i personaggi, lavorando in gruppo, riescono a scappare e a nascondersi; i cinque, disperati per il loro destino, vengono a conoscenza, grazie a uno stormo di gabbiani, venuti alla discarica per cercare cibo, di un posto meraviglioso “RICICLAMONDO”, dove tutti i rifiuti hanno una seconda possibilità…Riusciranno, dopo varie avventure, a raggiungere questo mondo nuovo e ad essere riciclati in quello che desiderano.

 

14 aprile e 12-19 maggio
TEATRO DI CESTELLO e CdG
“PINOCCHIO”
di Angela Tozzi da Collodi
regia Angela Tozzi

Pinocchio, nonostante i suoi 130 anni, resta ancora oggi un simbolo che rap – presenta tutti i bambini e bambine del mondo che, con la loro ingenuità, devo – no affrontare l’impatto con i personaggi più disparati e con situazioni a volte difficili, a volte entusiasmanti. Letto da adulti, poi, il romanzo di Carlo Lorenzini assume sfumature diverse nelle quali si possono cogliere messaggi importanti per la vita di tutti noi. Questa riduzione teatrale cerca di ri – spettare l’atmosfera e la vera “anima” della storia, ed è stata pensata appo – sitamente per un pubblico di adulti e bambini che si vogliono lasciar avvol – gere dall’atmosfera magica del teatro.