CHIAVI DELLA CITTA’

STAGIONE 2021 – 2022

“RICICLAMONDO”

 

spettacolo teatrale-fiaba
Cantiere Obraz
Riciclamondo
drammaturgia: Alessandra Comanducci
tecnica: spettacolo teatrale d’attore
con: Alessandro J. Bianchi, Michela Cioni, Paolo Ciotti, Alessandra Comanducci, Fabrizio Pezzoni, Camilla Pieri
scenografie: Lorenzo Brinati, Francesca Vitale
Regia: Alessandra Comanducci
Destinatari: 3-10 anni
Date: Martedì 28 e Mercoledì 29 marzo 2020
Ore: 10.00
Durata: 50 minuti
Biglietto: 5€

La pratica del riciclaggio prevede un articolato sistema organizzativo che coinvolge la società a partire dal singolo cittadino (o consumatore) fino alle imprese di riciclaggio e smaltimento.
Per il buon funzionamento di un sistema di riciclaggio è difatti necessario che il cittadino partecipi al processo attraverso la RACCOLTA DIFFERENZIATA.

Da questa riflessione muove i suoi passi lo spettacolo RICICLAMONDO: un modo divertente e spensierato per invogliare bambini e ragazzi alla pratica del RICICLAGGIO e del RIUSO, sempre più necessaria nella nostra società.Gina la lattina e altri quattro rifiuti (Ciocco il giornale, Petronia la bottiglia di plastica, Crepapelle la bottiglia di vetro e L’Arancia Marcia) si trovano chiusi insieme, senza ricordarsi da dove vengono, in un sacchetto della spazzatura all’incrocio di una grande strada di città. Appena capiscono di essere stati gettati, vengono trasportati alla discarica dal camion della spazzatura, dove dovranno essere mangiati dall’Inceneritore. Ma arrivati alla discarica i personaggi, lavorando in gruppo, riescono a scappare e a nascondersi; i cinque, disperati per il loro destino, vengono a conoscenza, grazie a uno stormo di gabbiani, venuti alla discarica per cercare cibo, di un posto meraviglioso “RICICLAMONDO”, dove tutti i rifiuti hanno una seconda possibilità…Riusciranno, dopo varie avventure, a raggiungere questo mondo nuovo e ad essere riciclati in quello che desiderano.

“ABBASSO LA GUERRA”

CENTENARIO GIANNI RODARI

spettacolo teatrale D’ATTORE
Cantiere Obraz
ABBASSO LA GUERRA
drammaturgia: Alessandra Comanducci
tecnica: spettacolo teatrale d’attore
con: Michela Cioni, Alessandra Comanducci, Camilla Pieri
scenografie: THOMAS HARRIS
Regia: Alessandra Comanducci
Destinatari: 3-10 anni
Date: Martedì 11 e Mercoledì 12 FEBBRAIO 2020
Ore: 10.00
Durata: 60 minuti
Biglietto: 5€

Il mondo delle fiabe è tutto scombinato… I nonni sembrano non ricordarsi le favole e i bambini adesso come faranno? Toccherà alle Belle Fate andare in giro tra mondo reale e mondo delle favole per salvare questa inspiegabile questione.
“Abbasso la Guerra” è uno spettacolo sulla non violenza e sul valore dell’esercizio della fantasia.

“ALICE CASCHERINA”

CENTENARIO GIANNI RODARI

spettacolo teatrale-fiaba
Cantiere Obraz
“Alice cascherina”
da: I racconti di Alice Cascherina di Gianni Rodari
tecnica: spettacolo teatrale
con: Alessandro J. Bianchi, Michela Cioni, Paolo Ciotti, Alessandra Comanducci, Camilla Pieri, Carlo Salvador
scenografie: Lorenzo Brinati, Francesca Vitale
Regia: Alessandra Comanducci
Destinatari: 3-10 anni
Date: Martedì 31 MARZO e Mercoledì 1 APRILE 2020
Ore: 10.00
Durata: 60 minuti
Biglietto: 5€

Alice Cascherina è una bambina molto molto curiosa. La sua curiosità e la sua gioia di vivere la portano a cacciarsi sempre nei guai, infatti, cade sempre e dappertutto, ma non nel senso che inciampa: Alice cade “dentro” le cose.

Durante una noiosissima giornata di pioggia, in cui non c’è proprio niente fa fare, Alice, svogliatamente, prende dallo scaffale un grosso libro di fiabe e in batter d’occhio ci cade dentro. Comincia così la sua avventura: incontrerà tutti i suoi personaggi preferiti e interverrà nelle vicende del lupo, di Cappuccetto Rosso, del Gatto con gli Stivali e molti altri. E alla fine dell’avventura potrà dire solo una cosa: “Ma come è bello leggere!”

Lo spettacolo “Alice Cascherina” ruota intorno ad un elemento scenografico centrale: un grande libro pop-up praticabile, da cui escono i personaggi delle fiabe lette dalla protagonista. Attraverso un magico e suggestivo gioco di luci, lo spazio scenico si trasforma continuamente e Alice vive, come in un sogno, molte avventure. L’elemento scenografico unito a quello musicale sottolinea l’iniziale conflitto di Alice e la sua crescita attraverso l’esperienza della lettura. Il linguaggio è semplice e attuale intervallato da momenti cantati secondo il genere RAP.